Giornal

giovedì 31 luglio 2014

 

 

Economia

Il made in Italy è il terzo marchio più noto al mondo

Polliotto: Paesi esteri vincono la ricerca grazie a intelligenze italiane

di eb

Gli indicatori economici in mano agli esperti di Finpiemonte non sono belli e anche se il braccio strategico della Regione ha erogato nel 2010 circa 400 milioni alle imprese per reagire alla crisi, questa permane e morsica.

"Bisogna andare là dove c'è la domanda" è il suggerimento del dr.Feira Presidemte di Finpiemonte che sabato a Torino ha tracciato alcune linee su invito del Consigliere Comunale Tronzano. "Andare sui mercati internazionali, non soltanto quello europeo." prosegue Feira e infatti l'unico dato regionale positivo è quello dell'Export.

Patrizia Polliotto della Fondazione San Paolo ribadisce che è meglio guardare oltre il vecchio continente perchè " In Europa noi arricchiamo ancor più i Paesi più ricchi e continuiamo a perdere posizioni. All'estero vinciamo e quando vincono i paesi stranieri nella ricerca spesso lo fanno con i nostri ricercatori italiani". Siamo proprio di fronte a quella emigrazione intellettuale che ci ha testimoniato la giovane Elisa Cerrato che è in Cina a lavorare per un'azienda di Como. Cina e Israele sono due esempi di grande sviluppo, pensate che Israele ha avuto in questi anni la più grande concentrazione di aziende in sturt up.

"Oggi il nostro territorio soffre della mancanza di consumo di prodotti" dice Gianni Di Donato dell'API Torino e tutti noi sappiamo che se non c'è reddito come fa ad esserci consumo?
Ma le imprese soffrono anche di un cuneo fiscale importante. All'estero l'Italia fa bella figura come nel caso della AutoLib che dal settembre 2011 ad oggi ha prodotto e piazzato 1750 autovetture elettriche. L'azienda di Paolo Forneris, 38 anni, sposato, una bimba di 4 anni, da lavoro a circa 200 persone in Italia ma vende a Parigi. E' la capitale europea forse più "smart city" di altre e ha in città 600 punti di ricarica per l'auto del futuro."Portiamo nel mondo quello che sappiamo fare" dice il giovane Maurizio Scandurra e "fermiamo le iniquità di Equitalia e del fisco impazzito" e l'applauso sorge spontaneo dalla sala. Poi un sussulto di orgoglio italiano in sala quando Tronzano ricorda che nel mondo il Made in Italy è terzo per notorietà solo dopo Coca Cola e Visa ma una imprenditrice realista come la Signora Orsini dice che non si incentivano nuove imprese con le finzioni "perchè proporre di aprire una società con 1 euro vuol dire andare in dissesto dopo un caffè e in fallimento dopo 2 tazzine al bar".

15/10/2012

 


     

     

 

04/04/2014

Progetti in gara per La Cittadella

04/04/2014

Padre Quirino Salomone: "La crisi è una truffa" "Possiamo chiamare ancora i nostri parlamentari Onorevoli?"

10/03/2014

Uno studio sul distretto del pomodoro del nord Italia

18/02/2014

De Concilio alla direzione di Coldiretti Piemonte

13/02/2014

Commercianti e PMI manifestano a Roma per “riprendersi il futuro”

06/02/2014

EXPOgaming: le imprese si mettono in gioco per scommettere sulla ripresa economica

03/02/2014

Verifiche in corso sulle bollette “sospette” nell'ovadese

30/01/2014

“Baby’s Hills: Le colline dei bambini”

29/01/2014

Coltivazioni a rischio per il repentino abbassamento delle temperature

28/01/2014

Tra le imprese alessandrine regna ancora l'incertezza

 

Santi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II. Due uomini, pienamente uomini di Dio


Quando da ragazzi andavamo dai nostri vecchi, era sul caminetto o alla parete della stanza più vissuta la foto del Papa Buono. Lo sentivano come uno di loro, il parroco nato a Sotto il Monte - Bergamo, uno venuto dalla vita dura della campagna povera degli anni bellici. E' stato amato da tutti...

Continua

 

Photogallery

Valenza: sabato inaugurazione della fontana "gioiello" in piazza Damiani

Photogallery

In buca per il tartufo al Golf Club "La Serra" di Valenza

Photogallery

Scalata invernale del K2: impresa di altri tempi

Photogallery

Far ben con Farmal

 
 
 

24/3/2014

Nella Cittadella di Alessandria i soldati (1855) per la Crimea.

24/3/2014

Taverna: i nostri tappetini piacciono.

25/3/2014

Se lo Stato non fa debiti l'economia scompare

 
 

AVVERTENZA: la riproduzione di illustrazioni e articoli pubblicati da giornal.it, nonché la loro traduzione,è riservata e non può avvenire senza espressa autorizzazione dell'editore. L'editore non assume alcuna responsabilità nel caso di eventuali errori contenuti negli articoli o di errori in cui fosse incorso nella loro riproduzione sul sito. Tutte le pubblicazioni su giornal.it avvengono senza eventuali protezioni di brevetti d´invenzione; inoltre, i nomi coperti da eventuale marchio registrato vengono utilizzati senza tenerne conto.