Trump e il nuovo accordo con la Cina.

Finalmente raggiunto un accordo con la Cina, per quanto riguarda i dazi per acquisti e scambi di prodotti agricoli, manifatturieri ed energetici. L’accordo che doveva entrare in vigore questo dicembre, è stato rimandato. La schiarita fra le due superpotenze, secondo il Fondo monetario internazionale, si rivelerebbe positiva per Washington e Pechino e soprattutto per l’economia mondiale. Non è ancora chiaro però, come il presidente americano Trump, intenda procedere sulle nuove tariffe. Ma secondo le ultime indiscrezioni, l’accordo tra USA e Cina, prevederebbe il maggior impegno della Cina nell’acquisto dei prodotti agricoli americani, e una maggiore tutela dei diritti di proprietà e il maggiore accesso nelle aziende americane nei settori servizi finanziari cinesi. La Cina chiede agli USA un taglio del 50% dei dazi attuali e la cancellazione, di ulteriori tariffe.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Questo nuovo accordo, significherebbe una pausa nella guerra commerciale tra USA e Cina.

E’ comunque atteso l’annuncio della Casa Bianca sull’accordo da poco raggiunto sul commercio con la Cina. La notizia, ha già messo le ali alle Borse in particolare, quella di Wall Street.

Anche il ministro del commercio cinese, Gao Feng, ha confermato che ambo le parti, hanno raggiunto l’intesa.

Questo quindi, dovrebbe segnare la fine della guerra commerciale tra le due potenze, poichè è iniziata con l’introduzione dei dazi sui prodotti cinesi negli USA, e dovrebbe finire con la loro rimozione. Queste sono le parole Gao Feng. Non c’è ancora una data per la firma del tanto atteso accordo, ma non dovrebbe essere lontana.

La casa bianca definisce questa pace commerciale <un passo avanti a livello storico> che favorirebbe anche i rapporti tra Trump e il presidente cinese Xi Jinping.

Non tutti però, apprezzano questo tipo di accordo. Il senatore della Florida Marco Rubio ad esempio, non è molto d’accordo. Rubio, sostiene che con questo accordo, l’America perderebbe un grande asso nella manica, un arma vincente sulla Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *