La pasta è un alimento irrinunciabile sulle tavole degli italiani, e pure i fagioli sono diffusissimi. Le numerose ricette con questi alimenti alla base ne testimoniano l’importanza. Però, a fronte di una popolazione che mangia pasta tutti i giorni, e fagioli con grande frequenza, sono molti ad opporsi a questa dieta. Cos’ha fatto di male la pasta con i fagioli? Facciamo chiarezza.

La pasta è dei millennials! I fagioli meno, ma che bontà.

Da una ricerca di Aidepi-Doxa fatta nel 2016 la pasta è uno dei piatti preferiti delle generazioni più giovani, ma non solo: uno dei dati più interessanti è quello per cui 8 under 35 su 10 la mangiano tutti i giorni. Molti, però, non vedono di buon occhio questa dieta a base di pasta, perché comporta una grande assunzione di carboidrati, di cui la pasta è ricca.

 In una dieta sana è essenziale un certo equilibrio degli alimenti ingeriti: non solo carboidrati, ma anche proteine, vitamine, minerali, e sicuramente grassi. Il nostro corpo ha bisogno di molti nutrienti diversi, che devono essere proporzionati e provenire preferibilmente da prodotti diversi. Mangiare tutti i giorni la pasta potrebbe essere una scelta non azzeccata, ma questo dipende molto dal tipo di pasta, dal condimento usato e dagli altri pasti della giornata. Se avete dubbi, comunque, una regola d’oro è questa: per una dieta equilibrata bisogna variare!

La pasta, quindi, non è di per sé malvagia. Anzi, se mangiata con condimenti leggeri e varabili, magari fatti a base di verdure e spezie, può essere mangiata tutti i giorni senza nessuna ricaduta sulla salute. L’importante, però, è riuscire nell’arco della giornata a ottenere i nutrienti che la pasta non può darci. Prime fra tutti, le proteine. E i fagioli?

I fagioli, come tutti i legumi in generale, sono consigliati da molti nutrizionisti per l’alta percentuale di proteine (che varia dal 20% al 40%), ma sono anche ricchi di carboidrati. Per questo, nonostante molti piatti della tradizione accoppiano legumi e cereali o di suoi derivati, nelle diete equilibrate difficilmente si troveranno questi elementi insieme. Non sono vietati, ma rendono difficile poi recepire gli altri nutrienti necessari al corretto sostentamento del nostro corpo.

Pasta e fagioli: una coppia possibile.

Questo accostamento, però, non è vietato né tantomeno pericoloso. Se a pranzo decidete di mangiarvi un poderoso piatto toscano di pasta co’ fagioli, mangerete un piatto pesante ma completo sotto molti punti di vista. E, magari, potreste mangiare a cena solo tante verdure, con un po’ di carne a piacimento. 

I nutrienti necessari, quindi, vanno assorbiti nell’arco della giornata. Il nutriente che non si è mangiato a pranzo, lo si potrà assorbire a cena: l’alimentazione, per essere sana, è tutto un gioco di equilibri tra alimenti. Per questo motivo, accoppiare la classica pasta con dei legumi è una scelta possibile; renderanno completo il pasto perché apportano al nostro organismo, insieme, sia carboidrati che proteine. 

L’importante, comunque, è sempre e solo mangiare le dosi giuste. Sarà difficile ingrassare mangiando 80 grammi di pasta tutti i giorni!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui