Allarme terza guerra mondiale?

0
412

In questi ultimi giorni si parla molto, di una probabile imminente terza guerra mondiale.

Il polverone si alza dopo l’attacco da parte degli USA in Iran.

Ma quali sono i rischi per il nostro paese?

Come ben sappiamo, o almeno dovremmo sapere, che l’Italia è un paese non belligerante, ovvero che ripudia e vieta la guerra, se non in caso di attacco.

Lo troviamo nell’articolo 11 della nostra costituzione.

Le novità dell’ultima ora, sono abbastanza preoccupanti, si tratta della dichiarata vendetta verso Washington.

Aumenta sempre di più la tensione per questa terza guerra mondiale.

Gli USA hanno iniziato le mobilitazioni e ricerche per un nuovo esercito.

Il primo territorio da considerare in prospettiva di guerra, è quello meridionale.

Un’area molto calda, che chiama in causa anche il nostro paese anche per implicazioni strategiche, politiche e geografiche.

Trump, non sta perdendo affatto tempo, anche in vista di minacce stia disponendo un vero piano d’attacco.

Una partita molto importante si è aperta in Libia con la caduta di governo, l’unità territoriale non esiste più e dopo l’approvazione dell’intervento militare turco contro l’esercito dei ribelli di Haftar è dietro l’angolo.

L’Italia, abbiamo già spiegato precedentemente, è sottoposta a vari rischi, ma da ultime news trapelate dallo stato Italiano.

il paese preferirebbe mantenere una posizione nettamente neutrale.

E’ anche aperta la questione immigrazione, lo scoppio di un conflitto allargato a potenze internazionali farebbe precipitare l’emergenza sfollati.

Con altissime probabilità, tra l’altro, di intensificare gli sbarchi sulle coste italiane dalla Libia.

L’assassinio avvenuto tramite bombardamento da parte degli USA è stato un evento importantissimo, l’atto più pericoloso e folle compiuto dagli Stati Uniti in Medio Oriente dal 2003.

In Iran sono stati dichiarati tre giorni di lutto nazionale, la Guida Supreme, ha giurato vendetta, ed è stato preteso che l’ambasciata americana a Baghdad lasci immediatamente il paese.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here