Maxi incendio Australia, miglioramenti in vista.

0
67

I vigili del fuoco locali, sono nettamente esausti dopo mesi di battaglie contro le insistenti fiamme che per molto tempo, hanno domato l’isola e devastato tante aree nel paese.

Finalmente, arrivano dichiarazioni dove si evince che l’incendio sia sotto controllo.

Ma si attende comunque, un pò di pioggia che si spera darà un pò di tregua ai boschi.

L’incendio, era ormai fuori controllo da più di tre mesi, visitando la zona il commissario dei vigili del fuoco del Nuovo Galles de Sud ha dichiarato che esiste una piccola area di combustione ancora da completare.

Il fuoco, ha bruciato un’area di parco nazionale tre volte più grande dell’area metropolitana di Londra, innescando così, diversi focolai che hanno contribuito a bruciare 800.000 ettari.. ovvero, un area più grande dell’Austria.

Le previsioni metereologiche locali, prevedono per la prossima settimana 50 millimetri di pioggia che darà anche sollievo all’agricoltura e siccità.

Nelle ultime ore, arriva anche il mea culpa del premier australiano sugli incendi.

”ci sono cose che avrei potuto gestire meglio” dichiara il primo ministro Scott Morrison.

Il premier, è stato quindi accusato di aver fatto poco, e di essere un negazionista su cambiamenti climatici.

Ciò che gli fa rivangare le accuse sono le sue vacanze alle Hawaii durante l’incendio.

Morrison, comunque non ha accennato nessun collegamento fra il caldo, e gli incendi.

Gli incendi però, hanno continuato a mietere vittime animali.

La prima stima del WWF era di circa 480 milioni di esemplari morti nei roghi.

Purtroppo le cifre, diventano ancora più allarmanti.

Si ipotizza purtroppo, il decesso di ben oltre un miliardo di animali, tra koala, canguri, wallaby, uccelli vari, e piccoli mammiferi.

Insomma, un vero e proprio dramma.

Le fiamme hanno causato anche la morte di 27 persone e distruggendo oltre 2000 abitazioni.

C’è stata una perdita di ben 8000 koala ovvero ben il30% di questa specie a livello mondiale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here