Paura coronavirus in aumento, in 24 ore più di 700 casi.

La commissione sanitaria cinese, ha reso noto che c’è stato un netto aumento dei casi di coronavirus nelle ultime 24 ore.

I decessi sono arrivati a quota 81, mentre le persone infettate sono circa 2835 mila persone.

L’ONU è preoccupata che il pericolo di diffusione del virus sia addirittura a livello globale

Anche a Pechino si registra un morto con il coronavirus, la vittima 50 enne si era recata a Wuhan, e gli era stata diagnosticata la polmonite atipica il 22 gennaio.

Donald Trump, leader americano, è in stretto contatto con la Cina e offre alla Cina e al suo presidente Xi, il massimo aiuto necessario, qual’ora ce ne fosse bisogno.

Questo è quanto ha twittato il preisidente americano su twitter.

Le organizzazioni sanitarie mondiali, si stanno mettendo in opera per prevenire il virus, e verificarne l’esistenza nei pazienti con accertamenti specifici.

L’allarme purtroppo, scatta anche in Africa, le autorità della Costa d’Avorio stanno effettuando controlli specifici per un caso di sospetto contagio da coronavirus, e se così fosse, sarebbe il primo caso nel continente africano.

Il premier cinese ha visitato Wuhan la città della provincia cinese Hubei in cuisi è manifestato per la prima volta il coronavirus.

Il premier Xi, arriva nella cittadina anche per visitare e rassicurare i contagiati dal virus.

Intanto, anche nella capitale austriaca si registra un caso abbastanza sospetto, si tratta dunque di una cittadina cinese che vive a Vienna, la donna recentemente è stata in ferie, nella zona colpita dal virus.

Le ultime notizie, ci informano che la donna è stata immediatamente ricoverata in stato di isolamento con sintomi influenzali. La donna è un assistente di volo, ed è ricoverata da sabato scorso in un ospedale di Vienna.

La Mongolia chiude i valichi di confine con la Cina, sono chiuse scuole e università, vietato il transito sia di mezzi pubblici, auto, e pedoni fino a domenica prossima.

In Mongolia non si è registrato nessun caso di contagio, ma nelle prossime ore dovranno rientrare nel paese 31 studenti fuori sede che studiavano nella città cinese di Wuhan.

Attendiamo altre news per restare aggiornati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.