Mangiare noci moscate fa bene? Ecco tutta la verità

La noce moscata è una spezia che si ricava dal seme di un albero sempreverde, originario dell’Indonesia.

Questo albero produce un frutto apparentemente simile ad un’albicocca, che contiene al suo interno un nocciolo che prende il nome di macis. Dal macis viene essiccato si ottiene una spezia dal sapore più delicato della noce moscata, mentre dall’essicazione del nocciolo si ricava la noce moscata vera e propria.

La noce moscata è una spezia conosciuta sin dall’antichità. Essa era usata per le sue proprietà afrodisiache.

Si tratta di una spezia molto utilizzata dalla medicina ayurvedica e dalla medicina tradizionale cinese per curare affezioni dell’apparato digerente e nervoso. Nel nostro Paese, invece, la si utilizza principalmente come spezia per donare alle pietanze un sapore particolare.

Proprietà nutrizionali

La noce moscata è ricca di vitamine, sali minerali e fibre. Si tratta di una spezia che a differenza di altre apporta un quantitativo non indifferente di calorie, parliamo i circa 525 Kcal per 100 grammi di prodotto. Ma siccome per aromatizzare le pietanze, o per favorire delle sue numerose proprietà benefiche è necessario un quantitativo estremamente basso, ciò non sarà un problema nemmeno per coloro che seguono una dieta ipocalorica.

La noce moscata svolge un effetto stimolante sul sistema nervoso centrale data la presenza di due sostanze che prendono il nome di miristicina ed elemicina.

Benefici della noce moscata

I benefici apportati da questa spezia, anche se consumata in piccolissime dosi, sono dovuti alla ricchezza di alcuni costituenti, tra cui le vitamine, i minerali, le fibre e tante altre sostanze. Vediamo insieme qualche beneficio apportato dalla noce moscata.

  • Allevia il dolore. La noce moscata è un antidolorifico naturale, per ridurre il dolore basterà aggiungerla agli alimenti.
  • Facilita la digestione. La fibra contenuta nella noce moscata stimola il processo digestivo, induce la secrezione dei succhi gastrici che facilitano ulteriormente la digestione.
  • Promuove la salute del cervello. Data la presenza della miristicina, sembrerebbe essere rallentato il processo di declino cognitivo delle persone affette da demenza senile o Alzheimer.
  • Disintossica il corpo. La noce moscata aiuta il fegato e i reni ad eliminare le tossine che si accumulano nell’organismo.
  • Igiene orale. I componenti antibatterici presenti nella noce moscata aiutano ad uccidere i batteri presenti nella bocca e combattono condizioni di alitosi.
  • Regola la pressione sanguigna. Il potassio presente nella noce moscata è un vasodilatatore. Esso permette un rilassamento dei vasi sanguigni andando a diminuire la pressione e lo sforzo sul sistema cardiovascolare.
  • Migliora la salute delle ossa. Il calcio presente nella noce moscata contribuisce a mantenere sane e forti le ossa e a prevenire alcune patologie come l’osteoporosi.

Fate attenzione al suo utilizzo

Come già detto il quantitativo di noce moscata che dovrebbe essere utilizzato è estremamente basso, questo perchè se consumata in dosi elevate può determinare degli effetti negativi sulla nostra salute.

Dosi eccessive di noce moscata possono avere effetti allucinatori e narcotici, oltre che provocare convulsioni, palpitazioni cardiache irregolari e il vomito.

Si sconsiglia il suo consumo alle donne in gravidanza perché può provocare aborti. Evitare anche in casi di epilessia o problemi di tipo neurologico.