L’amica geniale: a Napoli nasce il tour letterario ispirato ai luoghi di Elena Ferrante

L'amica geniale: a Napoli nasce il tour letterario ispirato ai luoghi di Elena Ferrante

La seconda stagione della serie-evento L’amica geniale – Storia del nuovo cognome, è appena sbarcata su Rai Uno.

La fiction si dipanerà in quattro prime serate per un totale di otto puntate.

Riuscirà questa seconda serie a bissare il successo di pubblico e di critica della prima?

Intanto lo share fatto registrare dai primi due episodi è stato ottimo e tutto lascia prevedere che si ripeterà.

Dove eravamo rimasti?

La storia riprende esattamente da dove si era interrotta.

Elena, detta Lenù, e Lila, ormai non sono più delle adolescenti e devono confrontarsi con la vita adulta.

Le attendono tante sfide che serviranno a rendere più significativo il loro percorso di crescita, ma nulla potrà scalfire il profondo legame che le unisce.

Le giovani intanto lasciano il loro quartiere, Lila inizia a lavorare ed Elena, invece, va a studiare all’Università di Pisa.

Il tour letterario

Il successo della fiction firmata da Saverio Costanzo ha spinto l’associazione napoletana NarteA ad organizzare un interessante tour letterario alla scoperta dei luoghi dei romanzi di Elena Ferrante, l’autrice, fra l’altro, de L’amica geniale.

I visitatori vengono accompagnati da due guide in un percorso che va dalla centralissima Via Chiaia, nel cuore della città partenopea, a Palazzo Cellamare, uno stabile storico dove hanno soggiornato tanti artisti famosi, e Piazza dei Martiri, dove è situato il negozio di scarpe che, nella serie, è quello in cui lavora Lila.

Il riscontro ottenuto dallo sceneggiato tv fa presagire la buona riuscita dell’iniziativa, che evidentemente intende raggiungere più scopi insieme.

Fra questi, porre l’attenzione sulla figura e sulle opere della scrittrice Elena Ferrante e, ovviamente, portare alla scoperta (o riscoperta) di caratteristiche, aspetti e luoghi di Napoli meno noti al grande pubblico.

Un’operazione culturale a tutto tondo insomma, che investe la letteratura, la televisione ed una delle città più belle d’Italia e del mondo.