Coronavirus, diventa allarme a livello europeo, arriva anche in Italia.

Purtroppo il Coronavirus approda anche in Italia, si sta diffondendo in alcune zone d’Europa.
In Italia ormai i morti sono arrivati a 7, ma sono per lo più persone anziane, o con altre patologie. Molte scuole sono chiuse, università, gite annullate, alcuni comuni del nord sono blindati.
C’è la corsa ai supermercati nel fare dispense e scorte per chi non potrà uscire di casa per un pò di giorni.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Ma tutta l’Europa è in bilico, c’è panico un pò ovunque.

La paura dell’Italia era che i paesi confinanti potessero chiudere le frontiere, ma non è stato così.
La prima a smontare questo mito è la Svizzera, a non chiudere le frontiere.

Il primo paese ad annunciare le misure di precauzione in merito al virus è stata la Romania. A partire dalla Svizzera, dove circa 68.000 italiani vanno a lavorare ogni giorno. In base alla situazione attuale non vi sono limitazioni all’ingresso”, ha spiegato l’ufficio federale della Sanità Pubblica, che allo stesso tempo dichiara di “monitorare attentamente la situazione in Italia.
In  Francia si sono accertati 12 casi, di cui 10 sono guariti senza conseguenze. Il ministro della salute francese, ha ammesso che se l’epidemia dovesse raggiungere parecchie zone d’Europa, verranno aumentate le vie precauzionali.

AirFrance non sospende i voli tra Francia e Italia.
in Cina e altri asiatici colpiti dal coronavirus nelle ultime due settimane ed ha avuto febbre sopra i 38 gradi, tosse, difficoltà respiratorie o sintomi analoghi dovrà sottoporsi a controlli al rientro.

Nel frattempo i commissari per la gestione delle crisi e per la salute, Janez Lenarcic e Stella Kyriakides, lavorano alle misure, anche finanziarie, di contrasto dell’epidemia.
Il Coronavirus sta mettendo in ginocchio la Cina e non solo. Tanta è la preoccupazione ovunque. Le persone colpite sono maggiormente anziani con altre patologie, con sistema immunitario basso.
Sono finite scorte di amuchina, mascherine ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *