Coronavirus 19 marzo: ecco gli ultimi aggiornamenti: dati sui contagi e bollettino della Protezione Civile

Coronavirus ultime notizie: ieri è stata una delle giornate più dure per l’Italia da quando è alle prese con la lotta al Covid-19. 475 morti in 24 ore. Mai così tanti in un solo giorno. Il numero totale dei deceduti sfiora i 3.000, superato anche il record della Cina.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Coronavirus 18 Marzo: tutti gli aggiornamenti

Ma nel complesso aumentano però anche il numero dei guariti 1.084, il 37% in più rispetto al giorno precedente, mentre la curva dei contagiati resta stabile con un incremento di 2.648 rispetto a martedì che portano il numero totale al momento in Italia a 28.710.

La provincia più colpita resta quella di Bergamo che ieri ha fatto registrare 93 decessi per Covid-19. Un numero elevato che ha messo al collasso anche il forno crematorio del cimitero della città tanto da essere costretti a trasferire in altre regioni le bare con mezzi dell’esercito.

Il governatore lombardo Attilio Fontana ha continuato a ribadire anche ieri che ci sono ancora troppe persone in strada che non rispettando i divieti stanno mettendo a rischio la loro vita e quella degli altri. Ha ammonito che questi cittadini se non lo capiranno con le buone, allora nei prossimi giorni saranno presi provvedimenti più duri.

Intanto il premier Conte ha dichiarato che molto probabilmente le restrizioni saranno prorogate anche dopo il 3 aprile. Le scelte intraprese sono corrette e stanno dando i loro frutti ma non bisogna poi rischiare di vanificare il tutto. Entro fine settimana potrebbe essere emanato un nuovo decreto che prevede il divieto di svolgere attività fisica all’aperto e misure più rigide per supermercati, bar e uffici. Lo scopo è quello di evitare assembramenti come quelli registrati ancora ad esempio nelle metropolitane.

Buone notizie arrivano anche dalla Cina dove ieri non si è registrato nessun nuovo caso interno. Il paese asiatico dopo 3 mesi sembra essere quasi riuscito a vincere la battaglia.