Ultime Notizie Coronavirus – Dati ufficiali su contagi e morti – Bollettino 1 Aprile UFFICIALE – Protezione Civile

Coronavirus 1 Aprile. Dopo i dati incoraggianti di questi giorni sembra, secondo quanto è stato affermato dagli esperti, che il picco sia realmente arrivato e per questo motivo bisognerà adesso aspettare nei prossimi giorni una fase calante dei contagi. Bisogna comunque seguire sempre le regole imposte dal Governo e quindi non si deve uscire da casa. Non bisogna per niente abbassare la guardia, probabilmente l’Italia sta per riuscire a vincere questa guerra contro il coronavirus ma bisogna assolutamente continuare fino alla fine a seguire i consigli e stare sempre attenti. Il rischio di una nuova crescita dei contagi è dietro l’angolo.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

I dati dell’ultimo bollettino della Protezione Civile vedono un totale di 105.792 casi in tutta Italia. Di questi, i guariti sono 15.729 ed i morti sono invece 12.428. Ricoverati e con sintomi vi sono, al momento, 28.192 persone in tutta Italia mentre in terapia intensiva sono in 4.023. Attualmente sono positive 77.635 persone.

Come ogni giorno su Giornal.it trovate tutti gli aggiornamenti in merito alla situazione coronavirus in Italia.

Coronavirus – Aggiornamenti in tempo reale

19:35 – Con un post sul suo account ufficiale di Facebook, Giuseppe Conte ha annunciato una diretta per le ore 20:20 di questa sera. Sul nostro sito potete trovare il VIDEO.


 


18:18 – Ecco il bollettino di oggi, 1 Aprile

18:09 – A breve sarà inserito il bollettino della protezione civile di oggi.

17:53 – Sono stati pubblicati i dati della regione Lombardia di oggi. In totale sono stati effettuati 121.449 tamponi. Di questi i positivi sono 44.773, ovvero 1565 in più di ieri.

17:46 – In diretta alla conferenza stampa della regione Lombardia interviene anche Gerry Scotti che sottolinea l’importanza dell’app AllertaLom e poi sottolinea che in giro ci sono troppe persone.

17:39 – Inizia la conferenza stampa della Lombardia. Ecco, di seguito, il video in diretta.

17:30 – In Sicilia scatta l’obbligo del tampone dopo autoisolamento. E’ valido per quanti sono tornati al Sud da zone a rischio.

17:18 – Sono stati pubblicati i dati relativi al contagio da coronavirus in Abruzzo. [clicca qui]

16:42 – Sono da poco stati pubblicati i dati ufficiali della Regione Lazio di oggi 1 Aprile. “Oggi registriamo un dato di 169 casi di positività e un trend in decrescita per la prima volta sotto al 6%”.

16:19 – Tra le tante notizie della giornata giunge un nuovo attentato a Foggia. All’interno dell’articolo il racconto di cosa è successo.

16:04 – Anche in Piemonte non vi saranno adeguamenti nelle misure di contenimento. Ecco cosa scrive il presidente Alberto Cirio. “Continuiamo con la linea del rigore e continuiamo a restare a casa. Nessun allentamento delle misure di contenimento in Piemonte. Nella nostra regione continuano a valere le regole più restrittive. Bisogna continuare a stare a casa. Solo così vinceremo la battaglia”.

16:00 – La Lombardia ha presentato il progetto AllertaLom, un app che riesce a mappare i positivi al coronavirus.

15:41 – In attesa dell’inizio della Conferenza stampa della Protezione Civile. Il video, come sempre, potete trovarlo in diretta sul nostro sito.

14:00 –  E’ disponibile su www.giornal.it la conferenza stampa di oggi del Presidente del Veneto, Luca Zaia. VIDEO

12:10 – Va in tilt il sito dell’Inps. Arrivate 300mila domande per i 600 euro di bonus.
Stanno arrivando, ha detto questa mattina il presidente, Pasquale Tridico, 100 richieste al secondo. Alle 8.00 erano 300.000. Al momento non è possibile accedere al servizio e il sito è rallentato anche per tutte le altre richieste. Dall’una di notte alle 8.30 circa, abbiamo ricevuto 300mila domande regolari. Adesso stiamo ricevendo 100 domande al secondo. Una cosa mai vista sui sistemi dell’Inps che stanno reggendo, sebbene gli intasamenti sono inevitabili con questi numeri”.

11:50 Prorogate fino al 13 aprile tutte le misure. Il governo ha deciso di prorogare fino al 13 aprile tutte le misure di limitazione alle attività e agli spostamenti individuali finora adottate. Lo ha annunciato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nell’informativa al Senato. “Siamo nel pieno di un’esperienza durissima e drammatica – ha detto il ministro – avremo tempo e modo di valutare ogni atto e conseguenza, ma a tutti è chiara una cosa: il Servizio sanitario nazionale è il patrimonio più prezioso che possa esserci e su di esso dobbiamo investire con tutte le forze che abbiamo. Il clima politico positivo e unitario è una precondizione essenziale per tenere unito il Paese in questo momento difficile della nostra storia. Non è il tempo delle divisioni. L’unità e la coesione sociale sono indispensabili in queste condizioni, come ha detto il presidente Mattarella”.

11:15 – Un’indagine a larga scala sulla popolazione utilizzando test rapidi sierologici, che indichino cioè chi ha sviluppato anticorpi al nuovo coronavirus, per avere il polso reale della diffusione del contagio. LO annuncia l’Istituto superiore di sanità (Iss),mentre già si pensa ai piani per la ‘riapertura’ del Paese e delle attività. Un riavvio che, dopo la proroga delle misure di contenimento almeno a dopo Pasqua, secondo gli esperti dovrà avvenire in modo scaglionato per tipologia di attività e per Regioni. In vista della ripartenza, però, fondamentale è riuscire ad avere un quadro reale dei casi di positività e anche di chi è certamente guarito avendo sviluppato anticorpi al virus SarsCov2. Per fare indagini ampie di questo tipo sulla popolazione, ha spiegato il presidente Iss Silvio Brusaferro alla conferenza stampa all’Istituto per fare il punto epidemiologico sull’epidemia di Covid-19, “servono test più rapidi per la ricerca degli anticorpi”. I test con tamponi, infatti, richiederebbero tempi più lunghi ed un’organizzazione complessa. Dunque, ha annunciato, “stiamo pensando di fare questo tipo di indagine e stiamo mettendo a punto le tecnologie per poterlo fare. Stiamo cioè lavorando per poter fare a stretto giro un’indagine di prevalenza sierologica”. Infatti, “avere una stima in tempi rapidi su un campione significativo della popolazione è molto importante per avere una stima reale dei casi, mentre ad oggi dobbiamo accontentarci di modelli”.

10:00 – E’ iniziata la diretta dal Senato di oggi.

https://www.youtube.com/watch?v=RrvX8yxO4k8

 

9:00 – Borrelli: “Picco raggiunto, ma non bisogna abbassare la guardia”. Sono questi secondo gli esperti i giorni del picco del coronavirus. Come già sottolineato non bisogna comunque abbassare la guardia perchè si rischia un’inversione di marcia da un momento all’altro.

8:30 – In attesa, anche oggi, del nuovo bollettino del giorno dello Spallanzani. Intorno alle 11 di questa mattina sarà emesso.

6:49 – Record di morti giornalieri in Francia. Nelle ultime ventiquattro ore sono morte 499 persone. E’ il numero più alto registrato nel territorio francese fino ad ora.

6:30 – I morti per il coronavirus nel mondo sono oltre 40 mila. Negli USA ci sono più vittime dell’11 Settembre: superati i 3.500 decessi.

6:00 – Appello di Conte alla Merkel. “Io e la Merkel abbiamo espresso due visioni diverse durante la nostra discussione. Ne approfitto e lo dico a tutti cittadini tedeschi: noi non stiamo scrivendo una pagina di un manuale di economia, stiamo scrivendo una pagina di un libro di storia”.

00:20 – Le misure andranno avanti almeno fino a Pasqua. Nonostante la crescita dei contagi inizia a diminuire su tutto il territorio nazionale, vi saranno ancora delle misure molto restrittive per i prossimi quindici giorni.

00:05 – Non vi sarà nessun click day per accedere al bonus dei 600 euro che il Governo ha predisposto per le aziende.