Mentre in alcuni Stati si inizia a riaprire dopo la quarantena gli esperti consigliano cautela in questi spazi pubblici perché il coronavirus sembra indugiare più a lungo in alcuni spazi pubblici. Il dato arriva da un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Nature Research”, condotto da un team di investigatori, guidato da Ke Lan, professore e direttore dello State Key Laboratory di Virologia all’Università di Wuhan nella regione cinese dove è stata segnalata per la prima volta la COVID-19, la malattia causata dalla SARS-CoV-2.

Gli esperti consigliano cautela in questi spazi

Bagni degli ospedali e spogliatoi dei medici. Secondo questo studio le aree ad alto traffico sono quelle da evitare, specialmente dove c’è umidità. Dopo aver installato alcuni strumenti per catturare le particelle aerodisperse in due ospedali a Wuhan, i ricercatori hanno trovato più particelle di coronavirus nei bagni dei pazienti e negli spogliatoi per i medici. Lo studio ha fornito anche alcune buone notizie per gli ospedali. C’erano meno particelle nei reparti di isolamento e nelle stanze dei pazienti con una buona ventilazione e un’accurata sanificazione. Lo studio pubblicato ieri, 27 aprile, ha evidenziato che la ventilazione della stanza, lo spazio aperto, la sanificazione dell’abbigliamento protettivo e la disinfezione adeguati delle aree del bagno possono limitare efficacemente la concentrazione di RNA SARS-CoV-2.

Il trasporto pubblico. Anche il trasporto pubblico è un punto caldo. Secondo un documento di lavoro pubblicato il 24 aprile da Jeffrey Harris, professore presso il Dipartimento di Economia, Massachusetts Institute of Technology, le mappe delle entrate del tornello della stazione della metropolitana, sovrapposte alle mappe dell’intera città dell’incidenza di coronavirus segnalate, sono fortemente coerenti con la propagazione della malattia facilitata dalla metropolitana. Le linee ferroviarie locali sembrano avere una maggiore propensione a trasmettere infezioni rispetto alle linee espresse. Lo studio copre solo circa la metà delle fermate sulla linea Flushing che attraversano i quartieri del Queens con alcuni dei più alti tassi di COVID-19. I risultati secondo cui un calo del trasporto in metropolitana è associato a una successiva inversione dei casi COVID-19 potrebbe essere un indizio per altre attività di distanziamento sociale simultanee, ha scritto Harris. Gli operatori sanitari affermano che occupare spazi chiusi e non mantenere le distanze a circa due metri contribuisce alla trasmissione. Per questo raccomandano alle persone di aprire spazi come i parchi.

Quanto resiste il virus? Uno studio pubblicato su The New England Journal of Medicine lo scorso mese da scienziati dell’Università di Princeton, UCLA e National Institutes of Health ha concluso che il virus potrebbe rimanere in volo per fino a 3 ore . Gli scienziati hanno scoperto che SARS-CoV-2, il virus che causa la nuova malattia COVID-19, era rilevabile nell’aria per un massimo di tre ore, fino a quattro ore su rame, fino a 24 ore su cartone e fino a due a tre giorni su plastica e acciaio inossidabile. Dimostrare che le particelle sospese nell’aria portano alla trasmissione, tuttavia, è meno chiaro, ma “plausibile”, hanno scritto i ricercatori. Indipendentemente da tutto questo si consiglia di rimanere ad almeno un metro di distanza da altre persone, specialmente in ambienti chiusi.

Comments are closed.