Lavorare in proprio da casa: i consigli per i freelance del computer

Oggi molte persone decidono di mettersi in proprio, e alcune di queste aprono una partita Iva e scelgono di lavorare da casa. In fondo le opportunità concesse da Internet sono molteplici: il digitale ha cambiato non solo la quotidianità delle persone, ma anche aspetti quali il lavoro, che sempre più spesso avviene in remoto. Di contro, chi lavora da casa da diverso tempo sa bene che ci sono certi aspetti positivi e altri negativi, con una serie di problemi da affrontare. Ecco perché oggi si analizzeranno tutti i migliori consigli per i freelance del computer, che hanno appena cominciato la propria carriera digitale.



  • Attenzione alla connessione Internet: è importante investire in una connessione alla rete che possa dirsi di qualità, stabile e performante. Chi lavora da casa usando il computer, non può fare a meno di scegliere una buona tariffa Internet. Tra l’altro, oggi gli operatori mettono a disposizione offerte Internet pensate proprio per chi ha la partita Iva, consultabili anche direttamente sul web: ai freelance del computer conviene approfittare di questo tipo di tariffe.
  • Occhio alle distrazioni: lavorare da casa significa imparare a combattere contro ogni possibile fonte di distrazione. La comodità e il comfort domestico, infatti, spesso fanno cadere in tentazione il freelance. Si parla ad esempio dei social network e delle varie notifiche che arrivano in continuazione sullo smartphone. Il consiglio è di silenziare il telefono e di affrontare la giornata lavorativa come se ci si trovasse in ufficio.
  • Il comfort e la salute: lavorando molte ore al computer, un freelance del digitale non può assolutamente rinunciare ad una seduta comoda ed ergonomica. Su Internet si possono reperire diverse sedie progettate proprio per chi trascorre le giornate al PC, come nel caso delle poltrone da gaming. Queste ultime possono essere anche più comode rispetto alle classiche sedute da ufficio, e aiutano a mantenere una postura corretta.
  • Non solo tecnologia, c’è anche lo sport: l’organismo ha bisogno di prendere aria, di tanto in tanto. Dunque per il freelance è necessario staccare la spina e uscire, cercando di sfruttare i momenti liberi per fare sport all’aperto. In realtà non serve diventare dei runner, perché anche una semplice passeggiata quotidiana può diventare salvifica. Oltre allo sport, poi, contano molto gli hobby, perché permettono di rilassarsi e di ricaricare le batterie.
  • Organizzazione e produttività: il bravo freelance sa già la sera prima cosa dovrà fare la mattina seguente. Chi vuole lavorare da casa, è bene che si organizzi per tempo, così da spalmare le varie scadenze abbattendo ansie e stress, ed evitando dimenticanze. Le capacità organizzative sono una dote davvero importante in questo campo, e tutti possono acquisirle con la pratica.