Ricetta polipetti alla luciana: ingredienti, preparazione e consigli

Il polipo alla Luciana, o più correttamente “polpo”, anche detto polpo alla napoletana, nasce a Santa Lucia, l’antico quartiere dei pescatori dove si cucinava il pescato del giorno in modo semplice per esaltare la freschezza delle materie prime.

Tradizionalmente questa ricetta classica napoletana è accompagnata da crostini di pane, ma gli spaghetti con i polipetti alla luciana sono sempre molto apprezzati, anche tra le ricette della Vigilia di Natale. Generalmente, si scelgono i polpi o polipetti veraci, più saporiti, che diventeranno rossi durante la cottura, ma sono molto amati anche i teneri moscardini alla luciana, riconoscibili dai tentacoli con una sola fila di ventose.

Per la riuscita del piatto è importante che gli ingredienti dei polipetti alla Luciana siano tutti freschi e di qualità. A piacere, nella ricetta dei polipetti alla luciana si possono aggiungere olive nere di Gaeta.

Polipetti alla luciana – Ingredienti

I seguenti ingredienti sono per 4 persone.

  • 1kg di polipetti veraci
  • 400g di pomodori pelati
  • olio extravergine d’oliva
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 2 spicchi d’aglio nostrano
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • qualche peperoncino
  • sale q.b.

Polipetti alla luciana – Preparazione e consigli utili

Dopo averli accuratamente puliti con acqua e sale, sistemare i polpi o polipetti in un tegame di alluminio o di terracotta, a testa in giù, uno accanto all’altro, aggiungere qualche cucchiaiata di olio, lo spicchio d’aglio sgusciato e il peperoncino.

Far rosolare il tutto a fiamma vivace, salare q.b. e sfumare con il vino. Aggiungere i pomodori pelati oppure i pomodorini e proseguire la cottura per pochi minuti.

Lontano dal fuoco, coprire bene il tegame con un foglio di carta alluminio in modo che i polipetti cuociano nel proprio vapore. Lasciar cuocere i polipetti a fuoco lentissimo per circa 2 ore, scuotendo il tegame di tanto in tanto senza girare con il mestolo.

A cottura ultimata, fateli riposare per 10 minuti e serviteli con una spolverata di prezzemolo tritato, accompagnati da crostini di pane, oppure come condimento per gli spaghetti che andranno versati al dente direttamente nel tegame prima di essere serviti.