Alex Zanardi – Tutto su di lui – Età, incidente, moglie e figli

Alex Zanardi è un pilastro dello sport italiano e lo dimostra il fatto che il campione non si sia fermato nemmeno in seguito al grave incidente che gli ha tolto l’uso delle gambe. Da automobilista ha fatto acrobazie che ancora oggi vengono ricordate dagli esperti del settore. Cosa che continua a succedere anche adesso grazie alla sua presenza nel paraciclismo, che gli ha permesso di conquistare quattro medaglie d’oro.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Alex Zanardi però fatica a considerarsi un esempio. La sua storia invece dimostra come sia possibile trasformare in opportunità anche i brutti eventi della vita. “Tutto ciò che è accaduto dopo l’incidente“, ha detto a Vanity Fair, “mi ha portato ad abbracciare avventure sorprendenti, contro ogni pronostico“.

Alex Zanardi – Età, moglie e figli

Alex Zanardi nasce il 23 ottobre del ’66 a Bologna e inizia ad appassionarsi alla Formula 1 fin da giovanissimo. A soli 14 anni il padre gli regala il primo kart e contribuisce al suo interesse. L’esordio avviene infatti a Vado nell’80 e dopo due anni di apprendistato, inizia a farsi notare con l’alias Parigino. I successi non sono mancati e nell’88 sceglie di esordire nella F3 italiana, mentre nel ’91 lo troviamoin Formula 3000. Al tempo stesso conosce la moglie Daniela, si sposa e hanno un figlio: Nicolò.

Negli anni successivi Alex Zanardi miete un successo dietro l’altro, ma il declino è dietro l’angolo. Subisce infatti un incidente in bicicletta e un altro durante le prove del Gran premio del Belgio. Nel ’95 non ha contratti decide di dedicarsi alla scuola di guida sicura. Torna però grazie alla Formula CART e inizia a vincere di nuovo. Da tutti considerato il super favorito della Formula 1, il campione dovrà tornare sui suoi passi e sceglierà di rientrare nella CART. Durante il circuito del 2001, perde il controllo della vettura e viene investito da quella di Alex Tagliani. L’impatto gli provoca l’amputazione degli arti inferiori e Zanardi rischia la vita, tanto che gli viene data l’estrema unzione.