App Immuni, spiegato il non funzionamento su Huawei e Honor

Disponibile al download da alcuni giorni, l’app Immuni, nata per gestire gli eventuali positivi al Covid-19 e notificare agli utenti qualora si fosse stati a contatto con un contagiato, ha subito fatto registrare ottimi numeri, avendo superato la quota 1 milione di download nel giro di poco più di 24 ore.



Problematiche riguardo alcuni dispositivi

Tuttavia diversi utenti in possesso di smartphone di marca Huawei e Honor in molti casi non hanno potuto usufruire dell’applicazione, visto che gli store dedicati non hanno messo a disposizione il download: ci ha pensato la società che si è offerta per la realizzazione del software, Bending Spoons a spiegare attraverso il proprio sito ufficiale il perchè di tali problematiche:

“Senza uno smartphone compatibile purtroppo non si può scaricare ed usare l’app” riferendosi ai sopracitati brand cinesi, che non sono in possesso dei Servizi Google a causa del noto “ban” operato dagli Stati Uniti, requisito necessario per un corretto funzionamento dell’app: “Immuni usa la tecnologia per le notifiche di esposizione messa a disposizione da Apple e Google. Questa tecnologia determina i requisiti di sistema per scaricare e usare Immuni, e non è compatibile con versioni precedenti di iOS, Android e Google Play Services. Sfortunatamente, al momento non possiamo superare queste limitazioni. Comunicheremo prontamente eventuali novità in questo senso“, specificando che non è una mancanza dell’applicazione: “i difetti non sono dovuti all’app ma all’interazione tra il sistema di notifiche di esposizione messo a disposizione da Google e il dispositivo. Google sta lavorando per trovare al più presto una soluzione”.