Come riconoscere i disturbi visivi: ecco alcune cose da non sottovalutare

I problemi visivi possono assumere diverse forme e spesso si presentano gradualmente. È possibile accorgersi di avere un disturbo visivo quando la qualità della vista non è più la stessa.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Alcuni tra i disturbi visivi più diffusi sono la miopia, l’ipermetropia e la presbiopia. La miopia causa problematiche di messa a fuoco degli oggetti lontani, mentre l’ipermetropia causa una visione offuscata degli oggetti vicini.

I disturbi visivi sono relativamente “innocui”, possono essere corretti grazie ad un paio di occhiali da vista e con delle lenti appositamente realizzate per correggere il difetto.

La miopia è un difetto visivo che causa la visione offuscata degli oggetti lontani. La causa più comune che provoca la miopia è l’eccessiva lunghezza del bulbo oculare, dove in questo caso i raggi UV convergono davanti la retina e non su di essa.

Correggere la miopia è semplice, in genere basta acquistare un paio di occhiali da vista che consentono una visione più nitida degli oggetti distanti.

Ipermetropia e Presbiopia: differenze, cause e come correggerle

Per una persona affetta da ipermetropia, vedere oggetti e cose da vicino è veramente faticoso, in quanto si percepisce in modalità offuscata qualsiasi oggetto o soggetto in primo piano.

L’ipermetropia è spesso dovuta ad una causa genetica, rappresentata da una lunghezza del bulbo oculare inferiore alla norma e di conseguenza l’occhio non inquadra gli oggetti in primo piano sulla retina.

Comprendere l’ipermetropia non è semplice, a volte può essere anche refrattiva, ovvero un difetto visivo molto raro rappresentato dalla cornea o dal cristallino non curvati in modo tale da poter distinguere chiaramente gli oggetti in primo piano, questo tipo di difetto può nascere anche a seguito di un incidente o di una malattia. L’ipermetropia può essere corretta con le lenti monofocali.

Presbiopia

I sintomi della presbiopia sono molto simili a quelli dell’ipermetropia, diventa impossibile leggere i caratteri molto piccoli e guardare oggetti molto da vicino.

La presbiopia è un difetto visivo che incorre verso i 40 anni, quando i muscoli oculari iniziano ad essere meno elastici. 

È possibile correggere la presbiopia con un semplice paio di occhiali da lettura, in caso di altre patologie visive come miopia o ipermetropia, generalmente si consiglia l’utilizzo delle lenti progressive, perché prevedono aree con diversi poteri correttivi e consentono una visione nitida a qualsiasi distanza.

Come si manifesta l’astigmatismo e come correggerlo

L’astigmatismo è un difetto visivo genetico, che porta a percepire gli oggetti vicini e lontani come distorti e sfocati. Una persona affetta da astigmatismo non vede i dettagli definiti e le sorgenti luminose sembrano delle linee.

Questo disturbo visivo è dovuto ad una curvatura anomala della cornea che varia in base ai gradi di densità e causa una visione sfocata e distorta. Spesso l’astigmatismo è associato a miopia o ipermetropia.

L’astigmatismo può essere corretto con un paio di occhiali da vista ma, nei casi gravi, è necessario l’intervento chirurgico. Gli occhiali da vista per una persona con astigmatismo presentano un “cilindro” che bilancia l’immagine sfocata e la rende nitida.