Formula 1 – Binotto: “Lavoriamo giorno e notte per portare nuovi aggiornamenti il prima possibile. Al 98% il GP del Mugello ci sarà”

Mattia Binotto guarda con fiducia al futuro al termine del GP d’Austria, con Charles Leclerc che con il secondo posto conquistato, ha regalato il primo podio stagionale alla Ferrari: “Abbiamo detto che dovevamo giocare in difesa e dovevamo massimizzare ogni situazione – ha detto il Team Principal della Rossa a Sky Sport -. E’ stata sicuramente una bella sorpresa, è stata una grande gara di Charles, capace di effettuare sorpassi fantastici. Sono contento del 2° posto ma restano i problemi di prestazione, abbiamo molto da lavorare specie per la qualifica. Sappiamo che per domenica dobbiamo migliorare”. La domenica della Ferrari è stata sporcata dall’errore di Vettel, 10° al traguardo dopo essersi girato per evitare Sainz: “E’ stato un peccato, soprattutto per i punti persi nel costruttori. Red Bull non ne ha fatti, quindi dovevamo ottimizzare la situazione. Ha commesso un errore, ha detto che la macchina era difficile da guidare e quindi il pilota può sbagliare quando non si sente a proprio agio. Si poteva fare meglio“.

Binotto regala anche una sorpresa ai tifosi della Rossa, con la possibilità che il pacchetto di aggiornamenti della SF1000 possa essere anticipato al GP della prossima settimana, sempre al Red Bull Ring: ” Stiamo cercando di lavorare giorno e notte per anticipare qualcosa del pacchetto, magari già la prossima settimana – ha detto -. Non solo per il confronto diretto ma anche per staccarci dal gruppo McLaren, Renault e Racing Point, perchè la Ferrari deve stare avanti. Abbiamo perso potenza nel motore, dobbiamo rimanere concentrati senza guardare al 2019. Questa vettura ha un problema aerodinamico, miglioreremo nelle curve e dobbiamo capire dove sta la differenza“. La Ferrari ha comunque portato due vetture al traguardo, sulle sole 11 che hanno finito la gara: “La foto di oggi è che dobbiamo migliorare, ci sono stati tanti problemi di affidabilità e penso che in questa prima parte di campionato i problemi si trascinano, perchè è difficile recuperare in una settimana. Sarà un inizio che creerà sorprese. E’ importante portare a casa le vetture”.

Infine una battuta sul Mugello, ormai a un passo dall’entrare nel calendario: “Ci siamo vicini, ma non abbiamo ancora firmato – ha detto Binotto -. Ci teniamo molto, siamo stati in contatto con F1 per avere questa gara. Al 98% ci arriveremo, ma finché non c’è la firma non festeggiamo. Faremo là i 1000 GP, vediamo e speriamo di avere con noi i nostri tifosi, sempre guardando la situazione Covid”.