Beatrice Vendramin è Aurora Luchetti – Chi è – Non dirlo al mio capo 2

Beatrice Vendramin è Aurora Luchetti in Non dirlo al mio capo 2: sarà una delle new entry della seconda stagione. Avrà un ruolo parrticolare nella famiglia di Lisa (Vanessa Incontrada), visto che si tratta della sua sorellastra. Entrerà in scena fin dalla premiere e in qualche modo farà ingelosire la nipote.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Aurora Luchetti è una diciassettenne con forti problemi di personalità e un legame critico con il padre. La protagonista deciderà di accoglierla in casa propria: anche per questo la figlia non potrà che essere gelosa e infastidita per la sua presenza.

Beatrice Vendramin è Aurora Luchetti – Non dirlo al mio capo 2

Aurora Luchetti ha scelto di raggiungere Napoli per non essere d’intralcio al padre. Quest’ultimo sta infatti per sposarsi e la ragazza teme di essere un peso. Così chiederà alla sorellastra di poter rimanere a casa sua per qualche tempo. Il suo arrivo non sconvolgerà solo Mia (Ludovica Coscione), ma anche Romeo (Saul Nanni). Il ragazzo infatti inizierà a provare un interesse nei suoi confronti e la figlia di Lisa non potrà che esserne gelosa. Aurora non è l’unica ad avere un cattivo rapporto con il padre: anche Lisa non è mai riuscito a perdonarlo per aver sfasciato la famiglia. Solo in un secondo momento però scoprirà che la sorellastra ha tentato il suicidio ed è stata ricoverata in ospedale, dove verrà salvata per il rotto della cuffia.

Dato che il problema di Aurora riguarda il padre, Lisa deciderà di tenerla con sè e poi farà di tutto per riuscire ad ottenere la sua custodia. Per accorrere al capezzale della ragazza però, Lisa sarà costretta a rimandare l’esame da avvocato e metterà a rischio la possibilità di rimanere nello studio Vinci. La vicinanza con la sorellastra però farà bene alla protagonista: ormai non riesce più ad essere complice della figlia e così la ragazza diventerà una valida sostituta. Beatrice Vendramin è Aurora Luchetti, una ragazza con disturbi della personalità che la portano a non gestire bene le emozioni troppo intense.