Calciomercato Juventus – Stop alle trattative! Sarri accontentato solo coi risultati

Calciomercato Juventus – Il club bianconero sembra orientato verso una clamorosa frenata nelle trattative per la prossima stagione. Ultimato lo scambio Arthur-Pjanic con il Barcelona, salvifico per il bilancio di entrambe le società, la società si stava lanciando sulle ulteriori piste per consegnare a Sarri una rosa maggiormente adatta all’idea di calcio che vorrà proporre. Ma le ultime frenate in campionato, con nove reti incassate in tre partite, nelle quali sono arrivate una sconfitta e due pareggi, hanno rallentato anche la corsa di Paratici sul mercato.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Calciomercato Juventus – Stop alle trattative! Sarri accontentato solo coi risultati

Sarri deve portare la barca in porto, e cioè deve vincere lo Scudetto e superare gli ottavi di Champions League contro il Lione, per essere accontentato sul mercato e proseguire le sua avventura in bianconero. Ieri alcuni rumors suggerivano come l’attuale allenatore juventino sarebbe ad un passo dall’esonero. Dall’ambiente bianconero trapela un invito alla calma: serve serenità e non farsi prendere da momentanei isterismi per concludere la stagione così come la Juventus pretende si faccia. E cioè con la vittoria dello Scudetto ed un percorso in Champions che non faccia rimpiangere il recente passato.

Il Mister gode della fiducia del club che pone l’accento dell’analisi più sui passaggi a vuoto della squadra che su alcune perplessità nella gestione del gruppo e del gioco, mai veramente sbocciato. A Torino, sponda Juve, si sa che servono i risultati, e quelli verranno analizzati nel momento idoneo, a fine stagione. Nel frattempo, però, il mercato può risentirne. Una società come la Juventus non si farà certamente trovare impreparata in qualsiasi situazione. Ma al momento una trattativa come quella per Jorginho, ad esempio, potrebbe essere messa in stand-by in attesa della certezza che Sarri continuerà a sedere sulla panchina juventina. Contrattualmente non ci sarebbero dubbi: l’allenatore ha un triennale. Ma i risultati pesano più di tutto, e un clamoroso mancato scudetto, a questo punto, cambierebbe tutto.