Distanziamento sui Treni, il Ministro speranza firma nuova ordinanza

Le compagnie ferroviarie hanno recentnemente scelto di eliminare di fatto l’obbligo di distanziamento a bordo dei vagoni, decisione che non è stata apprezzata dal governo che attraverso il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha subito preso provvedimenti.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

“Non abbassare la guardia”

Anche a causa dell’arrivo dell’estate, la percezione che il coronavirus sia parte del passato, o comunque drasticamente meno potente rispetto a pochi mesi fa, durante il periodo del lockdown. Tuttavia molti studi scentifici hanno dimostrato che il virus è attualmente tenuto sotto controllo nel nostro paese sopratutto a causa delle stringenti misure adottate settimane addietro, infatti nonostante è stato riscontrato lo sviluppo di nuovi focolai la situazione del nostro paese resta molto migliore rispetto a quella di altri paesi europei, come Spagna e Germania. Del resto anche il capo dello stato Mattarella ha invitato giusto ieri a non “abbassare la guardia”.

Nuova ordinanza

L’intenzione è quindi quella di ripristinare il distanziamento anche all’interno dei treni: Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità, tanto da convincere il ministro della salute Roberto Speranza a creare ad approvare una nuova ordinanza che di fatto ripristina le oramai consolidate norme di distanziamento: “È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora, non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. Per questo ho firmato una nuova ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine, questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus”. Opinioni condivise anche dal virologo dell’Università di Milano, Fabrizio Pregliasco e dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, anche lui molto perplesso dopo l’annuncio di eliminare in distanziamento.