Roma, la Sindaca Raggi annuncia la propria ricandidatura

Un po’ a sorpresa l’attuale sindaca Virginia Raggi annuncia la propria candidatura per le prossime elezioni come primo cittadino della capitale. La decisione è stata comunicata poche ore fa durante una riunione con i propri consiglieri tramite video conferenza, e “ufficializzata” dal consigliere del M5S Paolo Ferrara che ha scritto sul proprio account Facebook “Virginia Raggi ci ha detto che correrà nuovamente per fare la Sindaca di Roma, ci ha detto che non ci sta ad apparecchiare la tavola per far mangiare quelli di prima”.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Decisione condivisa

Spesso nell’occhio del ciclone per diverse problematiche storicamente famose nella capitale, la decisione in verità era già stata presa da diverse settimane dalla sindaca, ma il tutto è stato avallato dai vertici del M5S, forse anche in ottica di “pressione” verso il reggente Vito Crimi, che diversi mesi fa è subentrato all’attuale ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Pochi minuti dopo il vicesegretario del Partito Democratico Andrea Orlando ha così dichiarato su Twitter: “a Raggi ha annunciato la sua ricandidatura promuovendo il suo operato. Nulla di personale ma noi diamo un altro giudizio. Roma merita di più e qualcosa di molto diverso da questi anni. Per questo il Pd lavora per costruire un progetto alternativo”.

Referendum su Rousseau

Ora la decisione finale su una conferma della candidatura dell’attuale sindaca passa per l’oramai consolidata nonostante sia sempre molto chiacchierata piattaforma Rousseau, dove verrà quindi proposto un referendum in merito, che saranno un segnale importante anche per il regolamento interno del M5S che in origine non prevede ricandidature.
In teoria la Raggi potrebbe concorrere comunque di nuovo in Campidoglio, cosa che in maniera piuttosto probabile avrebbe intenzione di fare a prescindere, con o senza l’appoggio del Movimento, anche se sarebbe obbligata a concorrere in una lista civica, che secondo le nuove regole interne relative al “mandato zero” permetterebbe agli altri pentastellati di supportare la sua candidatura.