Calciomercato Torino – Sfuma Fares – Manca l’accordo per Rodriguez – Idea Vecino

Il calciomercato Torino continua a trovare molte difficoltà nel chiudere le trattative e questo inizia a preoccupare mister Giampaolo che vorrebbe al più presto i rinforzi richiesti.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Sfuma Farias

Un obiettivo di mercato che il Torino segue ormai dalla scorsa estate sembra sul punto di sfumare definitivamente. Si tratta di Mohamed Fares, esterno sinistro algerino della SPAL, più volte accostato al Torino ma che ormai sembra in procinto di trasferirsi alla Lazio. Fares sarebbe il giocatore scelto da Simone Inzaghi per rafforzare la corsia mancina della Lazio, e Lotito ed il ds Tare sarebbero al lavoro per chiudere il prima possibile la trattativa con il club ferrarese.

Distanza con il Milan per Rodriguez

C’è ancora distanza tra Milan e Torino circa la valutazione di Ricardo Rodriguez: oggi non si registrano passi in avanti nonostante il colloquio tra Maldini e Vagnati a casa Milan, visto che i rossoneri rimangono fermi su una valutazione da 3.8 milioni di euro, necessari per evitare la minusvalenza, mentre il Torino non vorrebbe spingersi oltre i 2 per la propria offerta. I granata hanno comunque garantito che al giocatore verrà garantito l’intero stipendio ancora a libro paga del Milan, cui Rodriguez è legato fino al 2021. Si continua a lavorare.

Buone sensazioni per Linetty

Ben altre sensazioni invece si registrano per quanto riguarda Karol Linetty. Il Torino ha offerto alla Sampdoria 7 milioni, mentre i blucerchiati ne chiedono 12, ma il calciatore andrà in scadenza il prossimo anno ed ha già fatto sapere di non voler rinnovare, questo è un enorme vantaggio per i granata.

Idea Vecino

L’Inter ha proposto ai granata il centrocampista Matias Vecino, calciatore che non rientra più nei piani di Conte. Il prezzo dell’uruguaiano non è certo bassissimo (15 milioni), ma sarebbe il calciatore in grado di innalzare la qualità del centrocampo del Torino. Il discorso è per ora rimandato, perchè il tetto salariale imposto da Cairo non permette acquisti a queste cifre, ma con la probabile cessione di Lyanco se ne potrebbe riparlare.