RedBull: “Seguiamo con interesse il caso Racing Point”

Mercedes-AMG F1 W11 EQ Performance Shakedown - LAT Images

Pur non aderendo formalmente all’appello, la Red Bull sostiene la decisione portata avanti da Renault e Ferrari di contestare la sentenza della Federazione sul caso Racing Point. La battaglia continuerà davanti alla Corte d’Appello Internazionale della FIA a Parigi e vedrà il binomio Cavallino-Losanga – che ritiene clementi le sanzioni stabilite lo scorso venerdì – contro la scuderia di Lawrence Stroll, che invece è fermamente convinta di non aver infranto il regolamento.

 

“Spero che la questione sarà chiarita dopo che il passaggio dalla Corte d’Appello – ha detto Helmut Marko a Sky Deutschland, portavoce di una Red Bull intenzionata a capire fin dove si può spingere la collaborazione con AlphaTauri – Posso immaginare che la gente pensi che sia strano che Racing Point venga punito per qualcosa, ma che comunque continui a usare le stesse parti. Per quanto tempo continueranno ad applicare questo tipo di misure? La FIA, a quanto pare, non ci ha pensato molto. Per questo penso che sia importante che alcune squadre abbiano fatto appello a questa decisione“.