Bollette luce e gas, aumenti in vista per l’ultimo trimestre del 2020

Aumenti record nell’ultimo trimestre del 2020 per quanto riguarda le fatture di gas e luce elettrica, come reso noto dall’Arera, l’ex Autorità dell’energia che ha recentemente emanato una tesi sull’aumento proprio ogni tre mesi, come da prassi, calcolando le utenze che non sono ancora passate al “mercato libero”.

Le motivazioni dell’aumento

Il sostanziale aumento, del 15,6% per l’elettricità e dell’11,4% per il gas naturale è stato ritenuto da record dal responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori, visto che cifre l’aumento della spesa a simili cifre non si verificava dal 2003 è dovuto ovviamente all’effetto Coronavirus, e in maniera diretta, al lockdown: secondo la tesi di Arera, con la ripresa delle attività economiche e il conseguente aumento della domanda di energia, in particolare da parte delle imprese. Arera ricorda anche che l’aumento era previsto dopo il crollo dei prezzi e il conseguente abbassamento delle bollette negli scorsi mesi (18,3% delle bollette dell’elettricità e 13,5% per il gas).

Rialzo

L’Autorithy ha ricordato che il periodo del lockdown ha ovviamente condizionato il mercato dei prezzi dell’energia, proseguito anche nel secondo trimestre: in sostanza la graduale riapertura di fine 2020 rimette le cose a posto.
Tutto calcolato, quindi, del resto gli italiani andranno a spendere mediamente di meno rispetto a quanto avevano fatto nel 2019 (poco più del 13 %).
Di diverso avviso l’Unione Consumatori che basandosi sui prezzi correnti, prevede un incremento delle fatture da qui a 30 settembre 2021.