Playoff Serie A, il Covid fa paura: torna di moda l’idea dei playoff

Playoff Serie A – l’ultima ondata di contagi che ha investito la Serie A spaventa sicuramente un po’ tutti. I tanti positivi nel Genoa, il Napoli che non parte per Torino, per giocare la partita contro la Juventus, bloccato dall’Asl dopo che erano stati rinvenuti nella rosa di Gattuso due contagiati e poi i tanti (e nuovi) casi di positività che ogni giorno vengono scoperti grazie ai continui tamponi a cui si sottopongono i calciatori.

Il Covid spaventa la Serie A e dopo gli ultimi casi si torna a pensare di modi alternativi per concludere il campionato in caso di emergenza. L’obiettivo è quello di salvare il calcio, ma anche quello di garantire le 380 partite di un campionato regolare per adempiere ai contratti sottoscritti con le emittenti televisive, o comunque avvicinarsi il più possibile a quel numero. Ecco perché negli uffici della Lega Calcio si torna a parlare di playoff e, secondo il Corriere dello Sport, gli scenari possibili sarebbero sostanzialmente due.

Playoff Serie A, per terminare ‘regolarmente’ il campionato si torna a pensare a playoff e playout

Una prima ipotesi consisterebbe in un piano che prevederebbe la regolare fine del girone d’andata, poi una fase ad orologio (un girone di ritorno in cui la classifica verrebbe divisa per scaglioni e ogni squadra affronterebbe solamente quelle che la precedono e che la seguono immediatamente in classifica) e infine playoff e playout per decretare scudetto, piazzamenti europei, centro classifica e retrocessioni. Così facendo si risparmierebbero circa 30 partite.

L’alternativa sarebbe invece quella del modello Final Eight, molto simile a quello adottato per la fase finale della Champions League nella scorsa stagione: gare di andata e ritorno con vantaggio per la squadra meglio piazzata in classifica (come accade nei playoff e nei playout di Serie B). Il tutto da svolgersi in una o più location sicure. Il punto debole di questo formato, però, è che comporterebbe un drastico taglio delle partite.

Calcagno avverte: “La Serie A deve pensare a playoff e playout”

Il presidente dell’Aic e consigliere FIGC Umberto Calcagno, parafrasando quanto detto anche dal Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora nei giorni scorsi, ai microfoni di Radio Punto Nuovo ha dichiarato Playoff e playout? Credo sia un’ipotesi da valutare. Anche perché con dieci positivi in organico, c’è la possibilità di chiedere un rinvio. Quindi, il problema me lo pongo. La tutela della salute va tenuta in conto. Dunque, fin quando la situazione sarà gestibile con il protocollo attuale, si può andare avanti così, applicandolo alla lettera. Come ribadito anche dal Ministro. Se la situazione poi muterà, dovremo mostrarci ancora una volta bravi e reattivi nell’adattarci e trovare una nuova soluzione.