Vaticano, arrestata Cecilia Marogna a Milano, la “dama del cardinale” di Becciu

Nuovo capitolo della complessa faccenda Angelo Becciu: è notizia delle ultime ore l’arresto della 39enne Cecilia Marogna, nativa di Cagliari, soprannominata la dama del Cardinale per via di rapporti stretti con Becciu e per aver ricevuto 500mila euro dalla Segreteria di Stato gestita proprio da Becciu, denaro che sarebbe dovuto teoricamente servito per foraggiare associazioni benefiche in svariate parti del mondo.

Arresto

Tuttavia l’ingente somma sarebbe stata utilizzata per fini puramente personali, e su di lei ora pende l’accusa peculato per distrazione di beni, oltre ad essere estradata e messa a disposizione dell’autorità giudiziaria vaticana.
La Marogna ha recentemente confermato di aver preso possesso dei 500mila euro, asserendo che però sono arrivati regolarmente presso una società di sua proprietà in Slovenia (sebbene dalle indagini si tratterebbe di una società fantasma) mentre Vecciu, recentemente privato dell’incarico di prefetto dal Papa dopo un inchiesta sull’acquisto da parte della Segreteria di Stato di un immobile di lusso in Sloane Avenue, nel Regno Unito, ha confermato interessi lavorativi con la signora Marogna pur negando ogni coinvolgimento per quanto riguarda la somma accennata: la 39enne era stata denunciata per appropriazione indebita, mentre nel 2002 per furto.