Bere Whisky tutti i giorni fa male? Ecco cosa dice la medicina

Quando si parla di whisky si fa riferimento ad un distillato che si ottiene dalla fermentazione e successiva distillazione di alcuni cereali. Dopo la distillazione viene lasciato maturare in botti di legno per un periodo variabile. Tra i vari cereali rientra l’orzo, che viene fatto germinare per poi essere trasformato in malto. Il whisky è un liquore molto antico. Inizialmente era chiamato dagli irlandesi e dagli scozzesi acqua vite.

Il whisky difficilmente provoca una sbornia, ovviamente se consumato con moderazione. Esso ha alcuni effetti medicinali che sono stati provati a livello scientifico. Nel whisky sono presenti degli antiossidanti che sono ottimi per migliorare le prestazioni del cervello. Oltre a migliorare le capacità mnemoniche, determinano un miglioramento anche a livello circolatorio.

Inoltre, il whisky, bevuto sempre con moderazione, è in grado di ridurre lo stress e permette ai nervi di rilassarsi. Il whisky apporta pochissime calorie, non contiene né grassi né colesterolo, dunque può essere consumato anche da coloro che seguono una dieta dimagrante.

Bere un po’ di whisky ostacola l’accumulo del colesterolo nel sistema cardiovascolare, determina un rilassamento delle pareti arteriose, riduce il rischio di ostruzione di queste ultime e previene l’ictus. Contrasta il colesterolo cattivo aumentando, invece, il colesterolo buono.

Il whisky come già detto contiene vari antiossidanti tra questi se ne ritrova uno di maggiore rilievo che è conosciuto come acido ellagico, esso determina una protezione nei confronti di tutte le cellule del nostro corpo. Uno studio compiuto nel 2003 ha dimostrato che il whisky è capace di prevenire l’Alzheimer e la demenza.

Sin dai tempi antichi il whisky è consumato a fine pasto, specialmente se pesante, per favorire la digestione. Ancora, il whisky può essere consumato, sempre in piccole dosi, per combattere le allergie e il raffreddore. Molto utile anche per il mal di gola, in quanto il whisky è capace di uccidere i batteri.

Bere Whisky tutti i giorni fa male? Ecco cosa dice la medicina

Nonostante tutti questi benefici elencati, siano ottimi per la nostra salute, ci sono anche delle controindicazioni. Quando si consuma in eccesso, dunque se ne fa abuso, c’è il rischio di entrare in un vortice di alcolismo. Questa condizione è molto grave, in questo caso gli effetti negativi saranno maggiori degli effetti positivi. Per beneficiare di tutte le proprietà del whisky è di fondamentale importanza consumarlo con estrema moderazione, senza esagerare. Inoltre non si consiglia il suo uso frequente quando si è affetti da alcune patologie particolari.