Mangiare nutella di notte: ecco tutto quello che può accadere

nutella

La Nutella è la crema spalmabile a base di cacao e nocciole più famosa al mondo, ed è prodotta dall‘azienda Ferrero. Nonostante la nutella sia una crema spalmabile molto apprezzata da adulti e bambini per il suo sapore eccezionale, è da dire che si tratta di un prodotto ipercalorico, proprio per questo motivo non dovrebbe essere consumato in quantitativi elevati. Meglio consumarla solo in piccole dosi, e non con una frequenza elevata dato che oltre a far ingrassare potrebbe determinare problemi di salute generali. Infatti, mangiare la nutella ogni giorno, favorisce l’aumento del tessuto adiposo e può risultare nocivo per la nostra salute. La nutella, come tante altre creme spalmabili, è inserita nella categoria dei junk foods.

Stesso discorso nel momento in cui si mangia la nutella di notte, non è assolutamente un’abitudine salutare, andrebbe evitato, troppi zuccheri in circolo nel corpo, e dormendo non si bruciano molte calorie, quindi si accumula tutto sotto forma di grasso.

Storicità della nutella

La nutella, non è nata direttamente così. Essa è nata dall’evoluzione di un prodotto noto come Giandujot, ovvero un panetto solido, dal sapore molto dolce, prodotto con pasta di nocciole, cacao e zucchero. Fu creato nel 1946 da Pietro Ferrero, un noto pasticciere piemontese. Dopo 2 anni dalla creazione del Giandujot si cambiò il suo nome e anche la sua consistenza, che da solida divenne spalmabile, il nome che gli fu attribuito fu SuperCrema.

Dopo circa 10 anni dalla creazione del Giandujot, Michele Ferrero, figlio del noto pasticcere, perfezionò la ricetta e cambiò il nome della SuperCrema in nutella. La nutella così creata venne espatriata e conquistò i mercati tedeschi e francesi, fino a raggiungere l’Australia.

Ingredienti della Nutella

Gli ingredienti per preparare la nutella sono vari, vediamo quali sono.

Zucchero
Olio di palma
Nocciole
Cacao magro
Latte scremato in polvere
Siero di latte in polvere
Emulsionanti
Lecitina di soia
Vanillina

Valori nutrizionali della nutella: quante calorie apporta?

La nutella è generalmente confezionata in barattoli di vetro di vario peso, ma oltre ad essere commercializzata in questa forma, è utilizzata anche per preparare vari snack che si trovano in commercio, sempre marchio Ferrero.

Abbiamo elencato pocanzi gli ingredienti che si utilizzano per la sua preparazione, inoltre, sul barattolo è possibile trovare la dicitura “Senza conservanti e senza coloranti“. La nutella ha una scarsissima concentrazione d’acqua, viceversa la sua densità energetica, e dunque calorica, è molto elevata. I costituenti principali di questa crema spalmabile sono i lipidi, in particolar modo gli acidi grassi saturi, molto abbondante anche lo zucchero, il saccarosio, non a caso presente come primo ingrediente.

La nutella, rispetto ad altri prodotti alimentari, è una crema non attaccabile da muffe e batteri, ha una scadenza molto lunga e non subisce particolari alterazioni. Per quanto riguarda il suo potere calorico, possiamo dire che 100 grammi di nutella apportano 539 Kcal, per questo motivo non è consigliato un suo consumo eccessivo. Sul retro della sua confezione è possibile leggere che la porzione consigliata è di 15 grammi, in questo modo che calorie saranno inferiori.

Controindicazioni

Un consumo smisurato di nutella può determinare dei risvolti negativi sulla salute. Non si consiglia il suo consumo a persone in sovrappeso, obese, diabetiche, affette da ipercolesterolemia. La presenza eccessiva di acidi grassi saturi aumenta notevolmente il rischio di patologie cardiocircolatorie e non solo. Potrebbe determinare un aumento del colesterolo, del diabete, data la presenza di zuccheri semplici, potrebbe determinare carie dentali, aumento di peso, la formazione di placche aterosclerotiche e tanto altro ancora.
Lo scopo dell’articolo non è demonizzare questo prodotto, come molto spesso accade, ma, è quello di sensibilizzare le persone a consumare la nutella in modo responsabile.