Juventus, arriva la risoluzione con Sarri: il tecnico si libera

La Juventus è vicinissima all’accordo per la risoluzione del contratto di mister Maurizio Sarri. L’allenatore, esonerato l’estate scorsa all’indomani della sconfitta contro il Lione in Champions League, aveva altri due anni di contratto a 6 milioni di Euro. In queste ore TuttoMercatoWeb dà per trovato l’accordo per la risoluzione del suo contratto, una operazione che consentirebbe alla Juventus di risparmiare passività sui prossimi bilanci, e al tecnico di rimettersi in corsa per una nuova panchina.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Juventus, arriva la risoluzione con Sarri: il tecnico si libera

Sta rimbalzano in queste ore la notizia dell’accordo trovato tra Juventus e Maurizio Sarri per la risoluzione del contratto di quest’ultimo con il club bianconero. Un contratto particolarmente oneroso, da sei milioni di euro a stagione, che avrebbe garantito due anni comodi e ben retribuiti al tecnico. Che però avrebbe voglia di ripartire al più presto: per questa ragione i contatti sono stati intensificati nell’ultimo periodo e il suo agente è stato visto in sede ad inizio settimana. Con Sarri più propenso a riprendere a lavorare che a restare fermo, sarà stato più semplice trovare un accordo economico che partiva da 12 milioni di euro ancora da versare nelle sue tasche.

I dettagli dell’accordo non sono noti, ma la prospettiva che Sarri possa tornare ad allenare nel prossimo futuro ha accelerato il tutto. Le voci più insistenti vogliono l’allenatore prossimo tecnico della Fiorentina con Iachini che non ha convinto Commisso in questa prima parte di stagione. Per Sarri si era parlato anche di un interessamento della Roma: la nuova proprietà Friedkin avrebbe individuato in lui il profilo ideale per rilanciare il progetto tecnico che dovrà al più presto ripartire dai giovani. Per tornare ad allenare liberamente, però, Sarri aveva bisogno di liberarsi dal contratto con la Juventus. E al club bianconero avrà sicuramente fatto piacere sapere di poter risparmiare almeno una parte dei 12 milioni di euro promessi all’atto della firma, all’inizio della scorsa stagione. Si attende solo l’ufficialità della notizia.