I segni zodiacali più esigenti in una storia d’amore: ecco quali sono

Buona parte delle persone vivono il proprio rapporto amoroso in modo molto spontaneo e naturale, givendolo giorno per giorno senza particolare programmazione e pressione, e non mettendola neanche alla controparte. Altri invece hanno aspettative decisamente alte in merito dall’inizio, e sebbene questo può essere uno sprone aggiuntivo per sviluppare il rapporto può renderlo anche più complesso. Solitamente sono dei profili caratteriali ben definiti, e fanno parte di questi segni zodiacali:


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Sagittario

La poca razionalità del Sagittario lo porta spesso a vivere situazioni non attinenti totalmente alla realtà, anzi: si fa guidare quasi sempre dai propri sentimenti e di base è molto esigente verso il partner, perchè quest’ultimo diventa il centro del mondo secondo la loro visione delle cose e quindi diventa anche la causa dela fine anticipata della relazione.

Cancro

Il Cancro diventa perfezionista quando si tratta di scegliere un potenziale compagno/a: nonostante abbia gusti molto definiti per quanto riguarda il modello fisico e caratteriale ideale, spesso si innamora di persone che sono totalmente differenti rispetto a questo modello. Il rapporto diventa qualcosa che esiste per rendere il compagno (o la compagna) quanto più simile al proprio ideale di perfezione.

Pesci

Tendono molto spesso a soffrire in amore anche a causa dell’indole profondamente fiduciosa e appassionata verso la propria metà: il loro amore non conosce limiti, e spesso gli fa perdere il contatto con la realtà, facendo idealizzare il partner a tal punto che quando quest’ultimo inizia a palesare dei difetti, Pesci risponde con un atteggiamento di disillusione.

Gemelli

I Gemelli hanno bisogno di un partner che non abbia una personalità particolarmente forte e determinata: del resto tende a prendere le redini del rapporto al punto che questo diventa una sorta di “appendice” dello stesso Gemelli, il cui compagno/a diventa come un elemento “utile” per il propro ego e non come elemento dominante.