Cashback sui regali di Natale: ecco come fare per averlo

Il periodo di feste natalizie oramai imminente, che è coinciso con la ben nota situazione pandemica ha creato un prevedibile malcontento da parte di diverse categorie di persone nel nostro paese, al punto che il governo ha già sviluppato nel corso dei mesi diverse misure per aiutare queste categorie che a causa del coronavirus non hanno potuto guadagnare abbastanza.

Cashback di Natale

L’ultimo sistema per favorire il sistema di pagamento elettronico (ancora visto con scetticismo nel nostro paese rispetto agli altri dell’Unione Europea) ed al contempo fornire una sorta di rimborso agli acquisti effettuati in questo periodo prende forma nel cosiddetto Cashback di Nataleche farà da “apripista” ad un sistema di rimborsi più ampio, previsto a partire dal prossimo gennaio.

Come funziona

Per ottenere i 150 euro di rimborso del cashback extra dovremo fare almeno 10 acquisti, per un valore massimo di 150 euro ciascuno. Il cashback sarà pari al 10% del totale speso in una singola transazione: se spenderemo 800 euro a dicembre (facendo 10 acquisti) otterremo quindi 80 euro di cashback.
Dall’8 e fino al 31 dicembre scatta il cashback di Natale: un rimborso del 10% con soglia massima di 150 euro in un mese. Il rimborso viene risarcito se chi ha fatto richiesta ha effettuato almeno dieci pagamenti con carta di credito o bancomat, mentre è escluso dalla misura lo shopping online.
Per ottenere il bonus sarà sufficiente effettuare almeno 10 pagamenti con carta di credito, bancomat o Satispay nel periodo che va dall’8 al 31 dicembre, e per poter usufruirne è necessario avere o una carta di identità elettronica, che viene rilasciata dal proprio comune di residenza o avere un account Spid (il sistema pubblico di identità digitale, che può essere attivato sul sito spid.gov.it); una volta completato quel passaggio, è necessario scaricare l’applicazione IO, ovvero l’app per i servizi pubblici già utilizzata per il bonus vacanza e i pagamenti con pagoPa per la pubblica amministrazione, e solo successivamente sarà possibile abilitare le carte, oltre a fornire gli estremi per ricevere il rimborso.