Bere acqua alla giapponese: cosa significa?

Bere acqua alla giapponese, è la traduzione italiana di una pratica orientale che consiste in una determinata dieta così detta dell’acqua che è stata approvata dalla Japan Medical Association (associazione medica giapponese). Questa particolare dieta fonda le sue basi sul bere l’acqua in dei momenti ben precisi durante l’arco della giornata, incominciando dal primo mattino fino alla sera. La dieta dell’acqua è proprio un rimedio dagli effetti dimagranti, effettivamente, alcuni studiosi hanno confermato che, oltre agli effetti dimagranti, seguire questa dieta aiuta anche a migliorare l altri aspetti importanti del nostro organismo.

Come si beve l’acqua alla giapponese?

La tecnica utilizzata per seguire alla lettera questa particolare tipologia di dieta deve essere rispettata in maniera molto precisa. Si inizia subito dopo essersi svegliati, bevendo 4 bicchieri d’acqua mentre si è ancora digiuni, l’acqua va bevuta a piccoli sorsi e con un breve intervallo tra un bicchiere e l’altro. L’acqua, oltretutto, deve essere fresca e possibilmente priva di fluoro e calcare. Dopo aver bevuto i primi 4 bicchieri, si deve aspettare lo scadere di 45 minuti, trascorso tale lasso di tempo, si può iniziare la colazione. Rispettare questa regola potrebbe essere difficile durante i primi giorni, se bere 4 bicchieri di acqua a prima mattina dovesse essere troppo complicato, si può iniziare con 2 e aumentarli gradualmente col passare del tempo. Dopo aver finito ogni pasto della giornata è importante non bere per almeno 2 ore. Se non si riesce a resistere tutto questo tempo senza bere si può bere acqua tiepida. In tal modo, si eviterà di compromettere la digestione.

Come si deve bere?

Come già detto, non si tratta di una dieta molto facile da rispettare, tuttavia otterremmo diversi benefici nel nostro corpo. E’ anche molto importante il modo in cui si beve, infatti, è assolutamente proibito bere mezzo litro di acqua tutto di un sorso, poiché in questo modo la maggior parte di acqua assunta stimolerà la vescica, e di conseguenza sentiremo la necessità di urinare. Oltretutto, bevendo velocemente gli effetti benefici dell’acqua si annullano. Si tratta di un passaggio importantissimo da rispettare per chi vuole bere acqua alla giapponese e ottenere dei risultati. In effetti, più il sorso di acqua sarà piccolo, più i benefici per il nostro organismo saranno maggiori.

Gli effetti sul nostro corpo di questa dieta

Se riusciamo a rispettare questa dieta, saremo in grado di curare diversi disturbi molto fastidiosi. Tra questi troviamo: la colite, la pancia gonfia, gonfiore e cattiva digestione. Per avere degli effetti benefici l’acqua deve arrivare all’interno delle cellule lentamente ed è proprio per questo che bisogna bere con dei sorsi molto piccoli.

Possiamo bere durante i pasti?

Come abbiamo già detto precedentemente, per seguire alla lettera questa dieta non si deve bere acqua per almeno un paio di ore dopo i pasti, questo però non significa non bere durante i pasti! Questo perché, l’acqua aiuta a fluidificare meglio i succhi gastrici di conseguenza bere durante i pasti è molto importante. Diversi nutrizionisti suggeriscono di bere un sorso d’acqua tra due pietanze. Inoltre, non va dimenticato che il nostro organismo necessita di almeno 2 litri d’acqua al giorno per rimanere in salute.