Cristiana Capotondi è Chiara Lubich – Chi è – Personaggio e realtà

Cristiana Capotondi è Chiara Lubich nel film omonimo che Rai 1 trasmetterà nella sua prima serata di oggi, domenica 3 gennaio 2021. La protagonista è Silvia Lubich, docente italiana e saggista nonchè fodnatrice del Movimento dei focolari.

Cristiana Capotondi avrà il compito di interpretare la donna, conosciuta e apprezzata per la sua attenzione per il mondo femminile e per la fede. “Speriamo che con questo film Chiara diventi un simbolo di semplicità e di passione”, hanno detto Luca Barbareschi e Maria Pia Ammirati, rispettivamente produttore con la sua Eliseo Multimedia e direttore di Rai Fiction.

Cristiana Capotondi è Chiara Lubich – La scheda

Cristiana Capotondi avrà il compito di interpretare Chiara Lubich in questo nuovo progetto televisivo. Chi è la protagonista? Una donna nata il 22 gennaio del 1920 con il nome di Silvia Lubich ed entrata nella storia della spiritualità contemporanea per via dell’influenza sociale e culturale che ha avuto su molte generazioni italiane. Chiara nasce a Trento e inizia a farsi chiamare con questo nome quando entra a fart parte del Terz’Ordine Francescano. Si dedica al sostegno della famiglia negli anni più bui, dando lezioni private e viene cresciuta secondo la fede scritiana grazie alla madre Luigia Mariconz.

Dopo essersi diplomata, Chiara Lubich affronta l’esclusione dal concorso per una borsa di studi che le permetta di entrare alla Cattolica di Milano. Il suo sogno è studiare Filosofia e una volta digerito l’ostacolo, decide di dedicarsi all’insegnamento nelle scuole elementari del Trentino. Vive gli anni della guerra mentre riscopre Dio Amore e decide di entrare nel Terz’Ordine Francescano, assumendolo stesso nome di Santa Chiara d’Assisi. Pronuncia il voto di castità nel ’43, in seguito ad una chiamata fideistica. Con la guida del solo Vangelo, Chiara si dedica ai più poveri di Trento al fianco delle compagne del neonato Movimento dei Focolari. Il nome èscelto grazie al ‘fuoco’ dell’amore evangelico infuso nelle ragazze e diventerà presto l’asse portante del Movimento.