Dieta del buonumore: ecco come funziona

Mangiare bene è importante non solo per rimanere in forma fisicamente. Il cibo che assumiamo, infatti, può avere effetti pure su come ci sentiamo interiormente. Ottima da questo punto di vista è la cosiddetta dieta del buonumore. Se vuoi sapere come funziona e quali cibi richiede, nelle prossime righe di questo articolo puoi trovare alcune informazioni preziose.

Dieta del buonumore: in cosa consiste?

Quando si parla della dieta del buonumore, si inquadra un regime ricco di cibi sani e vari. Per questo motivo, nessuno vieta di utilizzarla ance per perdere peso. Non dimentichiamo infatti che, quando si punta a ottenere qualcosa dal punto di vista della forma fisica, è opportuno diversificare quello che si mette nel piatto.

Detto questo, facciamo presene che una delle sue caratteristiche principali prevede il fatto di essere ricca di alimenti la cui composizione favorisce il miglioramento del tono dell’umore. Il motivo è molto semplice ed è legato al fatto che si tratta di cibi che stimolano la sintesi della serotonina, neurotrasmettitore noto per la sua capacità legata proprio al miglioramento dell’umore.

Sono diversi gli alimenti da considerare per ottimizzarne la sintesi. Tra questi è possibile citare le verdure a foglia verde, ma anche le noci e un’altra perla preziosa della frutta secca, ossia le mandorle.

A contribuire al miglioramento del tono dell’umore ci pensano anche i cibi ricchi di magnesio. Tra questi è possibile citare i cereali integrali, ma anche gli alimenti derivanti dalla soia e i latticini, che dovrebbero essere caratterizzati da un basso contenuto di grassi.

Un altro nutriente che non dovrebbe mai mancare nell’ambito di una dieta finalizzata a migliorare l’umore sono i grassi omega-3. Di questi acidi grassi essenziali si parla tanto e lo si fa soprattutto per sottolineare la loro indiscussa efficacia dal punto di vista antinfiammatorio e antiossidante. Includerli nella dieta significa, per esempio, proteggere dall’ossidazione il colesterolo LDL, con ovvi vantaggi per il cuore.

Negli ultimi anni, si è scoperta la loro influenza sul tono dell’umore e in particolare sui sintomi della depressione. Quali sono i cibi che li includono? In questo novero è possibile includere i pesci grassi come il salmone e il tonno, ma anche frutti come l’avocado, senza dimenticare le uova.

In una dieta del buonumore non dovrebbero mai mancare cibi ricchi di acido folico e iodio. Il primo si può trovare in fonti come le lenticchie, note anche per la loro ricchezza in fibre e in vitamina C, mentre il secondo nei mirtilli (tra le varie fonti).