Chi è Adriano Urso: Carriera e vita privata del mago del Jazz morto a Roma

Chi è Adriano Urso

Chi è Adriano Urso il famosissimo pianista jazz scomparso nella serata del 10 Gennaio 2021? Il mondo della musica piange un mago romano che nella serata di sabato sera è stato stronzato da un malore fatale.
Stando alla ricostruzione sembrerebbe che la sua auto d’epoca si sia fermata improvvisamente per strada. Adriano Urso dopo diversi tentativi e insieme all’aiuto di un passate, ha cercato di rimettere in moto la sua auto ma lo sforzo gli è stato fatale.

Un vuoto immaginabile quello che ha lasciato Andriano Urso all’interno della sua famiglia e nel mondo della musica romana. Proprio per questo, ripercorriamo insieme la sua vita privata e i suoi grandi successi da musicista.

LEGGI ANCHE:  CESARE BOCCI | E' parente con Marco Bocci?

Chi è Adriano Urso: Carriera e vita privata del mago del Jazz morto a Roma

Adriano Urso, fratello di Emanuele Urso e soprannominato “The King of Swing” dove insieme hanno condiviso palchi importantissimi d’Italia della scena jazz.
Tutti lo conoscevano per la sua bravura e per i suoi concerti in tutt’Italia ma principalmente nella Capitale. Un dei suoi concerti più recenti infatti, l’ha visto al fianco del cantante e trombettista Stefano Abitante, insieme avevano così regalato un ironico tributo a Fred Buscaglione.
Il suo grandissimo talento lo ha portato ad essere uno tra i protagonisti più famosi delle feste di “compleanno” della Casa del Jazz.

LEGGI ANCHE:  ANTONELLA CLERICI | Proposta inaccettabile per Bonolis: ecco la reazione in tv

Chi è Adriano Urso

Il grande amore per lo swing l’aveva anche portato sino a Rai Radio 3 nella strepitosa giornata dedicata al jazz degli anni ’30 insieme a tantissimi altri ospiti di grande bravura.
Dopo la sua tragica morte a parlare di lui è stata anche la cantante e amica Adèl Tirant che ha affermato: “Perdo uno dei miei più cari amici. Con lui se ne va un importante archivio, un patrimonio enorme. Lo chiamavo Urson “Welles” e gli dicevo di non pensare a questo momento e di prenderci un pianoforte per andare a suonare insieme a Via del Corso. È come se lui fosse realmente immerso in quell’epoca, come se la sua stessa esistenza fosse un errore carmico. Non ci sono sufficienti parole per descrivere il vuoto che lascia”.

Comments are closed.