È vero che l’olio di lavanda combatte lo stress? Ecco la risposta dell’esperto

Secondo alcuni recenti studi respirare l’olio di lavanda permette di combattere lo stress e l’ansia. L’olio essenziale di lavanda è una soluzione che si ricava dalle cime fiorite della lavandula angustifolia, una pianta che fa parte della famiglia delle Labiatae. Quest’olio, ha diverse proprietà benefiche e può essere utile per curare diversi disturbi. Infatti è molto utilizzato nell’aromaterapia, per via delle sue proprietà calmanti e rilassanti. Ormai si è abituati a pensare l che la vita frenetica dei nostri tempi, piena di impegni e appuntamenti, ci costringe ad essere costantemente nervosi e stressati. Per cercare di superare questi momenti, si può decidere di respirare dell’olio di lavanda per combattere lo stress e l’ansia. Ma è vero che l’olio di lavanda combatte lo stress? All’interno di questo articolo risponderemo a questa e ad altre domande.

I diversi usi dell’olio di lavanda

Negli ultimi tempi, l’olio di lavanda è stato spesso utilizzato per la sua eccezionale capacità di proteggere dai danni neurologici, anche perché il suo uso non causa alcun effetto collaterale tipico dei farmaci. La lavanda viene da tantissimo tempo utilizzata per il trattamento dei problemi neurologici come l’emicrania, l’insonnia, la depressione e l’ansia. Per diminuire lo stress e migliorare il sonno, è consigliabile mettere un diffusore per ambienti vicino al proprio letto, in modo da diffondere gli oli quando si dorme, oppure per rilassarsi la sera mentre si legge un libro. Lo si può anche applicare dietro le orecchie, per ottenere i medesimi benefici. Per chi ha problemi di emicrania e tensione, basta applicare delle gocce di olio essenziale di lavanda sulla fronte, più volte a giorno, quando se ne sente la necessità. In base a diversi studi, le persone che soffrono di emicrania, hanno avuto una discreta diminuzione del dolore, inalando l’olio di lavanda per quindici minuti. È inoltre raccomandabile utilizzare un olio puro al cento per cento, e senza componenti chimici. Se lo si utilizza per la prima volta, è necessario farlo in dosi ridotte. L’olio di lavanda in linea di massima è ben tollerato, ma si potrebbe generare qualche sintomo allergico.