Si può risolvere la cervicale con il calore? Ecco la risposta

Posture scorrette, problemi di occlusione dentale o mandibolare, stress, sovraccarichi eccessivi, brusche variazioni di temperatura… Sono molteplici le cause del dolore cervicale. Soprattutto nei periodi di passaggio da una stagione all’altra i dolori cervicali possono essere causati da correnti d’aria fredda. Un buon rimedio per le cervicali è la terapia del calore, chiamata, in modo più specifico, termoterapia.

La termoterapia consiste nell’applicare una fonte di calore che può essere la  semplice, e sempre reperibile, borsa dell’acqua calda a cuscini specifici imbottiti di noccioli di ciliege o chicchi di riso riscaldabili in forno reperibili in erboristeria o nei negozi online.

L’utilizzo del calore a scopo curativo è stato scoperto e adoperato già ai tempi degli antichi Egizi. Il suo effetto terapeutico è stato sostenuto anche dai Greci e dai Romani, pervenendo ai giorni nostri.

Oggi sono molti i trattamenti che rientrano nella categoria delle terapie termiche. Basti pensare ai bagni termali così come ad alcune terapie praticate dai fisioterapisti, come la tecarterapia che utilizza l’effetto benefico del calore per contrastare dolori e contratture muscolari di vario genere.

La terapia del calore si è dimostrata utile anche per combattere i dolori mestruali.

Perché il calore allevia il dolore?

Il calore agisce sul meccanismo della vasodilatazione cioè l’aumento del calibro dei vasi sanguigni. In questo modo, viene promosso l’afflusso di sangue all’interno del muscolo, che porta con sé ossigeno e sostanze nutritive e aiuta a eliminare le tossine accumulate che sono causa dell’infiammazione.

Tirando le somme capiamo bene che l’effetto benefico del calore contribuisce al nutrimento muscolare e allo stesso tempo è capace di liberarlo dalle sostanze di scarto. Grazie a questo meccanismo, le fibre muscolari contratte si rilassano e il dolore si allieva.

In sintesi,  la termoterapia:

  • diminuisce la contrattura muscolare e i suoi sintomi
  • migliora la condizione muscolare

La termoterapia per la cervicale con le fasce autoriscaldanti

Il dolore cervicale può essere contrastato con la termoterapia attraverso l’utilizzo di fasce autoriscaldanti. Si tratta di fasce adesive che, una volta applicate sull’area dolorante, iniziano a rilasciare calore lentamente. Il calore va a rilassare la zona contratta. L’effetto che ne consegue è quello di calmare il dolore.

Come sono fatte le fasce autoriscaldanti? 

Alcune hanno al loro interno solo sostanze naturali come:

  • polvere di ferro
  • carbone
  • sale
  • acqua

Questi elementi  iniziano a produrre calore nel momento in cui entrano a contatto con l’aria, grazie a una reazione chimica con l’ossigeno.

Prima di applicare la fascia si consiglia di pulire e asciugare bene la zona. Bisogna poi prestare attenzione al posizionamento della fascia in modo che aderisca bene sulla pelle. Nell’arco di 30 minuti circa, la fascia raggiungerà la temperatura ideale e inizierà a fare il suo lavoro, la temperatura rimane costante per 3-4 ore ma l’effetto benefico permane per più di 8 ore.

Si raccomanda sempre di consultare il parere del proprio medico di fiducia e di non sottovalutare mai il dolore cervicale in quanto potrebbe essere un campanello d’allarme di problemi posturali ben più seri.