Fedez, tutto quello che non sapevi: età, altezza, patrimonio

Fedez sarà sul palco dell’Ariston, in occasione della 71esima edizione del Festival di Sanremo, dove duetterà con Francesca Michielin. La popolarità del famoso rapper è oramai conclamata da diversi anni: ma chi è Fedez?

Biografia

Nato Federico Leonardo Lucia a Milano e fin da ragazzino si appassiona alla musica ed in particolare al rap, crescendo tra Rozzano e Corsico, e a colpi di freestyle inizia ad acquisire popolarità dal 2006 realizzando con la collaborazione di Cidda e DJ S.I.D il primo EP intitolato per l’appunto Fedez, mentre il secondo lavoro è Pat-a-cake seguito poi da Diss-Agio.

Scopri di più | Fedez e Chiara Ferragni: ecco come si sono conosciuti

Il primo disco in studio arriva nel 2011 chiamato Penisola che non c’è, autoprodotto, e assieme alla collaborazione di tanti altri artisti crea Il mio primo disco da venduto e parallelamente ottiene un successo in crescendo anche su Youtube, mentre conquista il Disco di Platino nel 2013 con Sig. Brainwash – l’arte di accontentare e assieme a J-Ax fonda la casa discografica Newtopia.

Scopri di più | Fedez, qual è il suo patrimonio? Ecco le cifre

Nel 2014 pubblica il disco Pop-Hoolista, e viene scelto tra i giudici di X-Factor lo stesso anno, mentre più recenti sono i lavori Comunisti col Rolex (assieme a J-Ax) e Paranoia Airlines. Più volte ha ribadito di aver conosciuto la povertà essendo figlio di un magazziniere e una disoccupata.

Età

Fedez è nato il 15 ottobre 1989 ed è alto 1,74 m e pesa 75 chili.

Vita privata

Con il matrimonio con Chiara Ferragni nel 2018 la coppia è diventata una delle più seguite e chiacchierate del panorama nazionale, e pochi mesi prima del matrimonio è nato suo primo figlio, Leone. Molto attivo su Instagram (conta circa 10 milioni di followers).
E’ recente una fake news riguardante il figlio, che avrebbe perso la vita lo scorso 27 marzo: la notizia è stata smentita con sdegno da lui stesso. Assieme alla moglie hanno messo assieme una cospicua raccolta fondi per combattere il coronavirus, anche se non sono mancate diverse critiche anche su questi atti di beneficienza, secondo alcuni non particolarmente genuini ma piuttosto utilizzati per far accrescere la loro popolarità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *