Gianni Agnelli, la causa della morte: ecco il motivo

Gianni Agnelli se oggi fosse vivo compirebbe 100 anni. L’Avvocato per antonomasia – aveva questo appellativo nonostante non avesse mai conseguito il titolo dopo la laurea in Giurisprudenza – è venuto a mancare il 24 gennaio 2003. Scopriamo, nelle prossime righe di questo articolo, la causa della morte di uno degli imprenditori simbolo della storia italiana.

Gianni Agnelli: la causa della sua morte

Gianni Agnelli è venuto a mancare a 81 anni. L’Avvocato si è spento nella sua residenza storica, Villa Frescòt. Presso questa magione in collina al confine tra il capoluogo piemontese e Pecetto Torinese si è spenta, nel 2019, anche la moglie Marella Caracciolo di Castagneto.

La causa della morte di Agnelli è stata un carcinoma alla prostata. La camera ardente dell’avvocato, in ottemperanza al cerimoniale del Senato – Gianni Agnelli è stato Senatore della Repubblica dal 1991 fino alla morte – è stata allestita presso la Pinacoteca del Lingotto di Torino.

Il funerale, invece, ha avuto luogo nel Duomo di Torino alla presenza di una grandissima folla. L’avvocato è sepolto nella cappella di famiglia presso il cimitero di Villar Perosa, Comune vicinissimo a Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *