Mia e il leone bianco: ecco la storia vera

Mia e il Leone Bianco è il film diretto da Gilles de Maistre che va in onda stasera su Rai 1. Considerato uno dei più grandi successi cinematografici francesi nel 2019, è stato girato nell’arco di tre anni per permettere al regista di portare sul grande schermo la vera crescita del leone bianco Charile e di Mia Owen, impersonata dall’attrice Danhia de Villiers.

Si tratta di una storia vera? Scopriamo assieme la risposta nelle prossime righe di questo articolo.

Mia e il leone bianco: la storia (speciale) dell’uomo senza il quale il film non sarebbe stato girato

Dietro al film Mia e il Leone Bianco c’è una storia vera a dir poco speciale. Si tratta della vicenda di Kevin Richardson, noto come l’uomo che sussurra ai leoni. Nato a Johannesburg nel 1974, ha avuto il suo primo contatto con i meravigliosi animali che gli hanno cambiato la vita durante una gita allo zoo quando era ancora alle elementari.

Laureato in Anatomia e Fisiologia Umana, ha iniziato a manifestare il suo talento protettivo nei confronti dei leoni grazie al proprietario di un parco conosciuto quando lavorava in palestra.

Oggi come oggi, l’uomo che ha guidato il cast del film Mia e il Leone Bianco nella gestione della comunicazione con il re della foresta è proprietario del The Kevin Richardson Wildlife Sanctuary, una riserva naturale dove Kevin guida i visitatori verso lo sviluppo di una relazione fondata sull’amore e non sulla dominazione con i meravigliosi felini protagonisti della pellicola in onda stasera (e di tantissimi altri film).

Per rendersi conto del sentimento di comunione profonda che ha con i leoni, basta dare un’occhiata al suo account Instagram. Su questo social, dove è seguito da oltre 1 milione di persone, pubblica dettagli della sua vita quotidiana nella riserva, mettendo in primo piano foto a dir poco tenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *