Ecco la pianta profumata antizanzare migliore che esista

Il caldo sta arrivando e la temperatura diventa alleata delle piante e sarà un concerto di fiori, odori e bellezza. I nostri balconi cominceranno un’opera di svecchiamento, rinascita di colore e si comincia a pensare anche a nuove piante da prendere per essere originali. L’obbiettivo di tutti è dare un tocco ecologico al nostro piccolo mondo verde personale.

Siete indecisi su quale pianta virare e vi verremo in soccorso consigliandovi una pianta dai colori vivi e che appena entrata nella vostra terrazza vi accarezzerà la vista con tanta superba bellezza. Per l’esattezza siamo qui a presentarvi una regina di beltà ed una pianta che vi renderà anche utilità importante poiché è un fantastico e naturale repellente per le zanzare. Ma ora introduciamola.

La pianta della Lantana

Parliamo della Lantana, una pianta  dei sempreverdi della famiglia delle Verbenacee. La sua origine è dal Centro e Sud America ma è molto diffuso in tutti paesi ed è conosciuta per la sua spendita fioritura longeva che dura molti mesi.

Tipi diversi di Lantana

Ci regala fiori dai colori accesi e che cambiano tono nel tempo e ne esistono di diversi tipi che danno fiori differenti per colore:

Lantana Camara che dona fiori con tonalità di rosso od arancio.

Lantana Cloth of Gold con i suoi splendidi fiori giallo vivo.

Lantana Mutabilis con le sue creature gialle o bianche o lilla.

Lantana spreading sunset che ci stupisce con fiori gialli che passo dopo passo arrivano ad assumere un rosso lieve.

Lantana Rose Queen che come una regina ci da fiori che passano dal giallo al rosa.

Profumata e antizanzare

In tutti i casi emette un odore che è sgradevole agli insetti e si fanno apprezzare per il lavoro da pianta repellente. È una pianta che resiste molto, sviluppa folti cespugli e quindi necessita di potatura. Necessita di vaso profondo e buon drenaggio ed è meglio collocarla al sole ma non troppo esposta in estate. Bisogna stare molto attenti se si hanno amici a quattro zampe e bambini perché le foglie e le bacche sono velenose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *