Ci sono sempre delle Lire in qualche cassetto di casa o nelle borse vintage delle zie, che potrebbero avere un valore molto alto. E qual è? I collezionisti cercano continuamente pezzi molto rari e queste 200 lire potrebbero cambiare completamente la propria giornata. Ecco quali sono e quanto valgono.

Valore 200 lire ricercate dai collezionisti

Cercando tra le vecchie cose di anni fa ecco che spuntano le Lire che hanno tenuto compagnia agli italiani per moltissimo tempo. Ma tra queste alcune sono veramente di valore e i collezionisti potrebbero pagare molto pur di averle.

Le 200 lire della Repubblica italiana sono in Bronzital ed è una lega molto particolare di Alluminio e Rame iniziale che poi ha visto l’aggiunta di Nichel nel 1968. Ce ne sono alcune molto rare che sono ricercate ancora oggi e man mano che passano gli anni aumentano il loro valore.

Le prime monete da 200 lire sono state messe in circolazione nel 1977 con un diametro di 2,4 cm e un peso di 5 grammi ed è in quel preciso istante che tutto inizia. Ma quali sono le monete che possono valere qualcosa per i collezionisti?

200 Lire 1977 – Lavoro

Per riconoscere la prima moneta da 200 lire che è stata coniata basterà guardare il suo fronte che è rappresentata da una testa di donna e la firma dell’autore, con il suo rovescio con la scritta del valore grande e un ingranaggio che simboleggia il lavoro.

Queste sono le prime emesse e messe in circolazione ma nonostante questo i collezionisti le valutano in maniera differente, classificando loro come monete comuni vista la tiratura molto alta. Il loro valore è di 1 Euro se conservate in maniera perfetta.

200 Lire 1977 – Prova

Questa è stata coniata come Prova e la scritta si trova proprio al suo interno. Identica alla versione sopra citata sul rovescio della moneta viene caratterizzata questa particolarità. Secondo i collezionisti più attenti questa è la moneta con maggiore valore: ne sono stati coniati sono 1,500 esemplari e se in ottimo stato di conservazione potrebbero anche arrivare sino a 800 Euro. In caso di qualità Splendida allora il loro valore scende sino ai 500 Euro. Ma gli esperti sanno anche bene che imbattersi in una moneta del genere sia veramente molto raro. Il consiglio è quello di stare attenti e vedere se qualche nonno abbia messo il tesoro da qualche parte, senza saperlo.

200 Lire 1978

Le lire del lavoro continuano la loro emissione ma anche in questo caso si ha un esemplare con una tiratura molto alta e per questo il suo valore non supera i 2 Euro al pezzo, in ottimo stato di conservazione.

200 Lire – Mezzaluna

In questo caso si ha un errore di conio da parte della Zecca dello Stato. Durante lo stampo nelle 200 lire si sono verificate due rotture dello stampo nello stesso punto conferendo una particolarità sul collo della donna raffigurata.

I collezionisti sono pronti a valutarla sino a 90 Euro ma solo se in ottimo stato di conservazione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui