Attenzione, non mettere mai questa orchidea in casa: ecco cosa succede

Le orchidee sono tra i fiori più belli e apprezzati al mondo. Con alle spalle una storia milionaria, sono sinonimo di eleganza e fragilità. Nel momento in cui le si chiama in causa, è doveroso rammentare che esiste una specifica tipologia che non andrebbe mai messa in casa. Qual è? Se hai il pollice verde, sicuramente ti interessa saperne di più.  Non ti resta, quindi, che proseguire nella lettura di questo articolo!


DA NON PERDERE:

    No feed items found.


Orchidea: quale evitare in casa

Quando si parla dell‘orchidea da non mettere mai in casa, si inquadra una specifica varietà del fiore, ossia la Gastrodia agnicellus. Chi sa il latino si sarà subito reso conto che questa espressione si può tradurre con “lingua d’agnello”.

Il motivo del nome è molto semplice ed è legato alla forma del fiore. Quando si parla delle altre caratteristiche di questa orchidea, è bene specificare che è priva di foglie e che è in grado di disperdere i suoi semi. Contraddistinta da fiori di color marrone e di piccole dimensioni.

A questo punto, è naturale chiedersi come mai non andrebbe mai messa in casa, a prescindere dall’ambiente. La riposta è sorprendente e riguarda…l’estetica. Sì, hai capito benissimo: non stiamo parlando di un’orchidea qualsiasi, ma dell‘orchidea più brutta del mondo. Originaria delle foreste del Madagascar, è considerata una specie a rischio e cresce in diverse aree naturali protette.

Un altro motivo per cui questa orchidea non certo ornamentale è famosa riguarda la sua scoperta, avvenuta pochissimo tempo fa. Fino ai primi mesi del 2020, infatti, non si conosceva la sua esistenza. Come già specificato, è priva di foglie e prolifera nel sottobosco, con uno stelo che, dopo l’impollinazione, si allunga dopo di una ventina di centimetri. In questo modo, questa orchidea unica al mondo è in grado di disperdere i suoi semi a livello del suolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *