Fabio Troiano, tutto su di lui: vita privata e carriera

 

Chi è Fabio Troiano?

Fabio Troiano è conosciuto dal grande pubblico italiano principalmente per i suoi ruoli di attore in Squadra Antimafia e R.I.S. – Delitti imperfetti ma anche per il suo primo programma di successo la Melevisione come il Genio Abù Zazà, conquistando subito il favore dei piccoli spettatori nel 2001.La svolta nella carriera di Troiano arriva con la commedia Dopo mezzanotte (2004), per il quale riceve il Premio “Magna Grecia” e una candidatura ai David di Donatello come Miglior attore non protagonista.

 

Seguono altre commedie: Se devo essere sincera (2004) e Tutta colpa di Giuda (2008), nel quale è il protagonista maschile accanto a Kasia Smutniak. Riveste il ruolo di protagonista in Il giorno + bello (2006), poi con Non c’è 2 senza te (2015) e Prima di lunedì (2016). Tra i film che hanno segnato maggiormente la sua carriera ci sono:

  • la commedia Cardiofitness (2006),
  • il drammatico Giorni e nuvole (2007)
  • il successo al botteghino Cado dalle nubi (2009) con Checco Zalone.

In TV il successo arriva da R.I.S. – Delitti imperfetti (2008), nel quale veste i panni del tenente Daniele Ghirelli, personaggio presente anche nello spin-off R.I.S. Roma – Delitti imperfetti (2010). Altri titoli per il cinema sono Cosa voglio di più (2010),  Passannante (2011), Mio papà (2014), Rosso Mille Miglia (2015), Stato di ebbrezza (2018) e Malati di sesso (2018).

Fabio Troiano nasce il 10 ottobre 1974 a Torino da una famiglia di origini napoletane. In seguito ad un problema d’asma Fabio  si trasferisce  a Casola di Napoli, un comune dell’hinterland napoletano, dai nonni, fino alla fine degli studi elementari.

Nel 2000 si diploma in recitazione al Teatro Stabile di Torino e inizia a lavorare sul palcoscenico dello Stabile, cimentandosi nell’interpretazione di grandi classici. Presto,  l’attore, esordisce sia in TV che al cinema.

E’ presente infatti nel mondo televisivo con La squadra e dall’altra con la commedia L’uomo della fortuna. Questi, seguiti dal film Santa Maradona (2001) e da una comparsa in CentoVetrine (2001), sono piccoli ruoli che iniziano a metterlo in luce e ad accrescere la sua familiarità di fronte la macchina da presa.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *