Monete rare: se hai questa a casa guadagni 11 mila euro

La nostra rubrica all’insegna del collezionismo e della numismatica prosegue oggi come di consueto sulla linea delle vecchie monete di valore, valore preso da queste certamente nel corso del tempo. Esistono infatti pezzi davvero unici, che avere in possesso potrebbe significare cambiare la propria vita da un momento all’altro. Più volte abbiamo parlato delle vecchie lire e di come errori di conio o tirature limitate siano fattori che incidono sull’aumento esponenziale del loro valore nel tempo. Monete rare: se hai questa a casa guadagni 11 mila euro. Ecco di cosa stiamo parlando.

Leggi anche: Classifica monete rare

La moneta rara da 11.000 euro

Le vecchie lire sono rimaste nel cuore degli italiani anche dopo l’avvento dell’euro, nel lontano 2002. Molti di noi hanno conservato in un cassetto vecchie monete della lira e tra queste potrebbe esserci quella più rara. Si tratta di un pezzo emesso quasi alla metà del secolo scorso, del ‘900. Stiamo parlando della Lira Arancia del 1947, una moneta tra le più vecchie delle lire e tra le più ricercate dai collezionisti, disposti a pagare molto per averla tra le mani. Dalla sua emissione sono passati ben 74 anni e ciò ha reso la lira arancia ancora più richiesta e ricercata. Più una moneta è ricercata, più cresce il suo valore. E quanto vale dunque la lira arancia del 1947? Come potete intuire dal titolo del nostro articolo, una lira arancia in ottime condizioni può arrivare a valere 11.000 euro. Se fior di conio la stessa moneta può arrivare anche a 15.000 euro. Ricordiamo che il valore cambia in base allo stato di conservazione della moneta. Una lira arancia usurata, bruciacchiata, con evidenti macchie e abrasioni o addirittura rotta, perderebbe molto del suo valore che potrebbe scendere sotto i 1000 euro.

Storia della lira arancia

La lira Arancia venne emessa poco prima del 1947 in tiratura di 104.000 esemplari. Nel 1947 furono emessi ulteriori 12.000 esemplari. La tiratura limitata rese questa moneta molto rara. Della lira arancia furono poi emesse delle copie anche negli anni successivi al 1947, non più poche ma milioni di copie. Per questo motivo queste emissioni successive oggi non hanno  valore. Ma come è fatta questa moneta? La lira arancia si presenta con, su una faccia, l’incisione di un ramo di arancio insieme al frutto maturo, l’arancia, che da il nome alla moneta. L’altra faccia, il rovescio, presenta invece l’incisione di una donna con la testa ornata di spighe.

Cosa fare se si è in possesso della lira arancia

E se magari frugando nel cassetto del nonno, tra le sue vecchie carte, troviamo una moneta la cui descrizione corrisponde a quella che abbiamo appena fatto nel precedente paragrafo inerente la lira arancia? Cosa dobbiamo fare? Chi può aiutarci a capire se si tratta del prezioso pezzo da 11.000 euro? Il consiglio è quello di rivolgersi ad un esperto del settore, a un esperto di numismatica o a un collezionista di monete antiche. Solo persone autorevoli sapranno indirizzarvi al meglio e valutare nella maniera più appropriata il vostro pezzo. In questo modo eviterete il rischio di incappare in truffe o di venderla a qualcuno disonesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *