Allarme pressione bassa: tutti gli alimenti che devi subito smettere di mangiare

Cosa mangiare e cosa evitare è importante quando si ha la pressione bassa. Infatti, la pressione bassa può essere combattuta anche con la giusta dieta prima di assumere i farmaci. La dieta può aiutare a gestire chi ha cali improvvisi così come chi ha condizioni croniche o congenite: perdita di appetito, irritabilità, debolezza, debolezza, vertigini, tutti sintomi lievi associati all’ipotensione congenita, ma niente di speciale come conseguenza. D’altra parte, se la pressione scende improvvisamente, può portare a problemi insopportabili. Potassio in pazienti ipotesi
Il potassio è importante per il suo drenaggio e disintossicazione, ma soprattutto per la regolazione dello stress e del battito cardiaco. I sintomi della carenza di potassio sono: debolezza, insensibilità, astenia e riflessi scarsi.

Viene escreto principalmente attraverso le urine, quindi deve essere costantemente reintegrato attraverso: riso di alta qualità, verdure a foglia verde, ananas e banane.

Pressione sanguigna bassa: cosa non mangiare

Se soffri di pressione bassa, è meglio evitare di mangiare e bere cibi molto caldi, che generalmente non sono consigliati per andare contro i consigli di cui sopra:

  • Evita il tè e altre bevande molto calde, poiché il calore dilata i vasi sanguigni e aumenta la sudorazione, che può causare un leggero calo della pressione sanguigna.
  • Non bere alcolici.
  • Non mangiare troppi pasti, che possono portare a un abbassamento della pressione sanguigna dopo i pasti.
  • Limita gli alimenti ad alto contenuto di zucchero.
  • Limita gli alimenti ricchi di carboidrati come patate, riso, pasta e pane.
  • Non usare marijuana o marijuana.

Magnesio in pazienti ipotesi

Il magnesio aiuta a convertire lo zucchero in energia, che contrasta la fatica tipica e l’eventuale abbassamento della pressione sanguigna delle giornate più calde.

I sintomi di carenza sono:

  • difficoltà ad addormentarsi
  • stanchezza
  • irritabilità

Lo troviamo presente soprattutto nella frutta secca, nei cereali integrali, nei legumi e nei cereali. Gli integratori alimentari sono consigliati anche se la dieta è insufficiente a ripristinare i valori normali.

Pressione sanguigna bassa: cosa mangiare

Una dieta variata ed equilibrata di proteine, grassi e carboidrati è importante per abbassare la pressione sanguigna.

In particolare, i cereali integrali sono utili per il loro contenuto di vitamine B e C, oltre a minerali come ferro, potassio e magnesio.

Poi, frutta e verdura di stagione a luce verde come patate, fagiolini, pomodori, zucchine, peperoni e insalate verdi, banane, pesche, albicocche, frutti di bosco e frutta secca come noci, mandorle, arachidi, uvetta. Introduciamo nella nostra dieta in caso di ipotensione:

  • Le banane
  • Le barbabietole
  • Le patate
  • Verdure a foglia verde
  • Semi oleosi come mandorle e pistacchi
  • Frutta zuccherata, come datteri e uvetta
  • I melograni
  • Le alghe
  • Il tè verde
  • Il karkadè
  • Il cioccolato fondente

 

Uno degli aspetti più importanti di una dieta per il trattamento della bassa pressione sanguigna è la dimensione della porzione. Quasi tutti sono abituati a tre pasti al giorno, ma è meglio dividere 5-6 piccoli pasti. In questo modo, viene mantenuta una fornitura costante di energia nel corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.