Allarme acidità di stomaco: a cosa è dovuta e cosa fare

È un disturbo digestivo associato ad una maggiore secrezione di acido cloridrico, una sostanza che facilita la digestione degli alimenti. Quando l’acido cloridrico viene prodotto in eccesso, passa attraverso lo strato di muco che protegge il rivestimento dello stomaco, causando infiammazione. Questo problema è anche chiamato bruciore di stomaco o bruciore di stomaco.

Acido di stomaco: il motivo principale

Le ragioni dell’aumento della produzione di acido cloridrico (chiamato iperacidità) non sono del tutto chiare. Tuttavia, è certo che cibi piccanti, cibi troppo acidi (come pomodori, cipolle, fagioli, zucchero raffinato, carne, uova, latte, formaggio), pasti abbondanti, alcol e fumo possono causare problemi.

Anche l’infezione allo stomaco da Helicobacter pylori (un tipo di batterio) sembra aumentare la secrezione di acido gastrico, ritardandone in alcuni casi l’eliminazione, portando a una sensazione di indigestione e iperacidità ancora più pronunciata. Anche lo stress, i ritmi forti e le forti emozioni possono stimolare l’iperacidità. Infine, l’assunzione di alcuni farmaci, come l’acido acetilsalicilico e i FANS antinfiammatori, può svolgere un ruolo importante.

Acido di stomaco: il sintomo più comune

Il paziente avverte un fastidioso bruciore o dolore allo stomaco, insieme a nausea, crampi e reflusso.
Se non trattata, l’iperacidità può, soprattutto, nel tempo causare un’ulcera allo stomaco o duodenale.

Acido di stomaco: come diagnosticarla

La diagnosi è di natura clinica: il medico visita il paziente e raccoglie l’anamnesi, cioè interviste approfondite dei suoi sintomi e anamnesi, nonché dei suoi familiari (per verificare se ci sono altri casi nei parenti del paziente ).
Un medico di famiglia o un gastroenterologo (specialista) può anche prescrivere una gastroscopia per determinare l’entità del danno alla mucosa dello stomaco e del duodeno causato dall’eccessiva acidità e dalla possibile presenza di Helicobacter pylori.

Acido di stomaco: trattamento e rimedio

Per il trattamento dell’acidità di stomaco sono consigliati gli antiacidi, che alleviano i fastidiosi sintomi, sia sotto forma di compresse masticabili, sospensioni (una pappa gessosa che può anche essere aromatizzata), o effervescenti (polvere disciolta in acqua). Si tratta di medicinali a base di sostanze debolmente alcaline che neutralizzano l’acidità di stomaco e riducono il dolore. Il più famoso è il bicarbonato di sodio, che funziona molto rapidamente ma ha vita breve. Anche i composti di alluminio e magnesio sono ampiamente utilizzati oggi e hanno un effetto più duraturo. Tutti questi farmaci aiutano a combattere i problemi, ma non risolvono il problema. Nei casi più complicati, il medico può raccomandare un trattamento con farmaci specifici che sopprimono la produzione di acido gastrico, come i farmaci inibitori della pompa protonica. Anche se sono presenti lesioni ulcerative causate dall’infezione da H. pylori, i medici di solito prescrivono un trattamento appropriato a base di farmaci che sopprimono la secrezione acida gastrica e antibiotici contro H. pylori. In tutti i casi è importante evitare il fai da te e rispettare sempre i consigli del medico su come e quando somministrare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.