Allarme nichel: non mangiare questi alimenti se hai questa allergia!

Tutte le allergie, siano esse alimentari o da esposizione, sono reazioni a un sistema immunitario difettoso, quando non può tollerare determinate sostanze.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

In campo nutrizionale i più diffusi sono quelli a base di glutine e lattosio, per i quali è sufficiente eliminare dalla dieta gli alimenti contenenti queste sostanze per prevenire effetti negativi.

Ma cosa succede se sei allergico al nichel?

Potrebbe non essere sufficiente saltare alcuni cibi, poiché questo metallo è contenuto anche nei piatti e negli utensili usati per preparare i pasti.

Poiché a quanto pare non esiste una cura per questa malattia, per evitare effetti indesiderati è consigliabile prendere alcune precauzioni a tavola e nella vita di tutti i giorni.

Se sei allergico al nichel, prima di imparare cosa mangiare e cosa evitare, capiamo qual è il problema, come si manifesta e se esistono trattamenti per evitare i sintomi.

Allergia al nichel: cos’è e come si manifesta

Come accennato in precedenza, questa è una risposta immunitaria innescata dopo l’esposizione a metalli o l’ingestione di solfati, quando il corpo non può tollerarla.

Non è sempre facile riconoscerlo subito, quindi è utile capire come si manifesta un’allergia al nichel per poter eseguire specifici test diagnostici.

I sintomi più comuni sono senza dubbio le reazioni cutanee, come dermatiti, arrossamenti e prurito nelle allergie da contatto, e disturbi gastrointestinali (gonfiore, crampi, stitichezza o diarrea, nausea) nelle allergie sistemiche o alimentari, ed è diffuso in tutto il corpo, compreso il mal di testa , stanchezza e dolori articolari.

Perché l’allergia al nichel fa ingrassare?

Sebbene non sia strettamente correlato alla malattia, un altro sintomo che può essere allarmante è l’aumento di peso. In effetti, le persone con anafilassi al nichel sembrano sperimentare fluttuazioni di peso e aumento di peso.

Infatti, l’aumento di peso non è determinato dall’aumento di grasso, ma dai liquidi.

Il corpo infatti mostra un’infiammazione delle mucose con gonfiore e ritenzione idrica, quindi potresti aumentare di peso e dimensioni di conseguenza.

Evitare l’infiammazione cronica fermando gli alimenti che contengono nichel è la soluzione più appropriata per ripristinare l’equilibrio, eliminare i liquidi e ripristinare la forma.

Allergia al nichel: cosa mangiare e cosa evitare?

Se viene diagnosticata un’allergia, una dieta priva di nichel è il primo passo verso la guarigione.

Poiché questa malattia può manifestarsi in forme più o meno gravi (dai semplici fastidi alle intolleranze e vere e proprie allergie), è imperativo rivolgersi ad un nutrizionista per determinare quali alimenti vanno eliminati dalla dieta.

In effetti, il nichel si trova in molti alimenti, alcuni insospettabili e altri che non contengono nichel ma possono essere assorbiti attraverso la contaminazione, quindi è assolutamente sconsigliato crearne uno tuo.

In generale, tuttavia, alcuni alimenti sono più ricchi di nichel rispetto ad altri.

Quindi cosa dovrebbe essere evitato in caso di allergia al nichel?

Cioccolato, cacao, anacardi, avena e pomodori dovrebbero essere banditi in quanto sono gli alimenti più pericolosi per questa malattia.