Intollerante al lattosio: svelati tutti i sintomi, attenzione

Essere allergici o intelleranti a qualcosa é sempre stato un disagio anche oggigiorno sono stati prodotti alimentidi tutti i tipi senza lattosio. Quindi non bisogna rinunciare a niente.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]
Tipi di intolleranza al lattosio

L’intolleranza al lattosio è causata dall’assenza della lattasi, un enzima che separa il lattosio in galattosio e glucosio. L’intolleranza può essere primaria, che consiste nella graduale diminuzione della lattasi e si manifesta gradualmente negli anni. Mentre quella seconda deriva da altre patologia che portano a questa intolleranza. Quella congenita invece è quando l’enzima lattasi manca dalla nascita.

Intollerante al lattosio: svelati tutti i sintomi, attenzione

I sintomi principali in seguito al consumo dei latticini sicuramente sono mal di stomaco, gonfiore, gas intestinali, diarrea, senso di pienezza, meteorismo, nausea, flatulenza. 

Anche se raramente, si può avere mal di testa, irritazione, spossatezza e eruzioni cutanee.

I bambini nati prematuri hanno più possibile di sviluppare quella intolleranza a causa mancato compimento dello sviluppo.

Cura

Per risolvere il problema basta eliminare il lattosio dalla dieta, ma si potrebbe riscontrare una carenza di calcio o vitamina D, quindi è bene, che insieme ad una dieta specifica, si faccia uso anche di integratori o cibi ricchi di calcio i legumi, le verdure a foglia verde, il tofu, la frutta secca ed essiccata, la soia, i cereali, il parmigiano e il pesce.

Inoltre é meglio non fare un uso eccessivo di alimenti che contengono lieviti.

Come abbiamo già detto, non bisogna rinunciare al proprio piatto preferito o ad un abitudine, basterá fare attenzione alla presenza o meno di lattosio. Quindi non bisogna dire addio a biscotti, yogurt, latte, panna o ricotta. Si può assumere anche latte vegetale.

Diagnosi

Per capire se effettivamente si tratta di intolleranza al lattosio, si può fare il breath test all’indrogeno per vedere quanto lattosio c’è nell’aria prima e dopo la sua assunzione oppure specifiche analisi del sangue. É possibile fare anche le analisi delle feci, ma è una tecnica di diagnosi usata solo per i bambini.